/ Cronaca

Cronaca | 01 ottobre 2020, 14:02

Torino, rissa a bordo di autobus: arrestato l'uomo che ha danneggiato il mezzo

Denunciata una seconda persona. Il litigio è avvenuto su un bus della linea 75

Torino, rissa a bordo di autobus: arrestato l'uomo che ha danneggiato il mezzo

Ieri sera, intorno alle 23, si è verificato un violento litigio all’interno di un autobus della linea 75, all’altezza di via Lauro Rossi angolo Fossata, tra 4 persone che viaggiavano a bordo.

Poiché dalle ingiurie i 4 passeggeri passavano ben presto alle vie di fatto, dando origine a una rissa, l'autista ha fermato la vettura alla fermata “Randaccio” per consentire alle persone non coinvolte di scendere. I 4 soggetti, intanto, hanno continuato a scambiarsi  calci e pugni con notevole intensità e addirittura uno di essi ha sradicato dalla propria sede un martelletto frangivetro, con cui ha colpito i propri rivali.

L’autista ha avvisato dell’accaduto la propria centrale operativa, che ha richiesto l’intervento al 112 NUE di personale delle forze dell’ordine. Una pattuglia della Squadra Volante è giunta nel giro di pochi minuti, in tempo per vedere due soggetti, fra i quali quello che impugnava il martelletto, un cittadino marocchino di 25 anni, inveire  all’indirizzo del conducente, che si era rifugiato nella cabina; dopo qualche istante, il venticinquenne ha colpito con violenza il vetro del parabrezza del bus, lesionandolo vistosamente, per poi darsi alla fuga. Gli agenti lo hanno bloccato, insieme all’altro partecipante, un ragazzo venticinquenne spagnolo, mentre le altri 2 persone coinvolte nella rissa si erano dileguate già prima dell’arrivo della Volante.

I due venticinquenne fermati sono stati entrambi denunciati per rissa ed interruzione di pubblico servizio. L’autore del danneggiamento tramite il martelletto, che ha dei precedenti specifici, è stato, altresì denunciato per furto e tratto in arresto per danneggiamento aggravato.

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium