/ Attualità

Attualità | 21 ottobre 2020, 21:15

Briançon vieta il passaggio del Giro per le norme anti-Covid: cambia il percorso della "Alba-Sestriere"

L’organizzazione ha dovuto metter mano al percorso della penultima tappa della corsa rosa, che si accorcia di 17 chilometri: saltano il Col d’Izoard e il passaggio sul Colle dell’Agnello

Briançon vieta il passaggio del Giro per le norme anti-Covid: cambia il percorso della "Alba-Sestriere"

Le incognite più temute erano freddo, gelo e neve. E invece la 20esima - e penultima - tappa del Giro d’Italia, l’Alba-Sestriere in programma sabato 24 ottobre, deve fare i conti con le norme anti-Covid.

L’organizzazione del “Giro” si è quindi trovata costretta, a 3 giorni dal passaggio della tappa, a modificare sensibilmente il tracciato, eliminando tutti gli sconfinamenti Oltralpe. Lo ha confermato Mauro Vegni, direttore della corsa rosa, durante il “Processo alla Tappa” su Rai Due.

L’organizzazione ha quindi dovuto porre mano al tracciato della “Alba-Sestriere”, in modo anche significativo. La tappa si correrà interamente su territorio italiano.

Saltano il passaggio ai 2744 del Colle dell’Agnello, in Val Varaita. Saltano i 2630 del Col d’Izoard. Salta il passaggio a Briançon. Saltano i 1854 metri del Montgenevre.

Da giorni c’era qualche preoccupazione per il passaggio dei corridori sul Colle dell’Agnello, sia per le possibili (e basse) temperature, sia per eventuali precipitazioni che, considerata la stagione, in quota si sarebbero potute trasformare, senza troppi problemi, in neve.

Ma invece il meteo è stato l’ultimo dei problemi.

Ecco quindi che, dopo la partenza da Alba, la tappa correrà senza intoppi siano a Savigliano.

Poi, anziché dirigersi in Val Varaita, passerà per Saluzzo, Staffarda, Cavour, Osasco, Pinerolo, Perosa Argentina, Roreto, Fenestrelle, Pourrieres, Pragelato, Sestriere.

Poi ancora: discesa a Cesana Torinese, Sauze di Cesana. Qui si ripeterà il “giro”: di nuovo Sestriere, di nuovo Cesana Torinese, di nuovo Sauze e – infine – arrivo a Sestriere.

Addio quindi alle grandi salite ed ai grandi GPM che entusiasmano ogni anno gli appassionati del “Giro”.

La tappa, al netto delle modifiche, si accorcia di 17 chilometri: dai 198 chilometri della prima versione ai 181 del tragitto “modificato”, senza sconfinamenti in suolo francese. Un vero peccato.

Nic.B.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium