/ Cronaca

Cronaca | 27 ottobre 2020, 09:26

Nove monolocali trasformati in case di appuntamento: arrestata la coppia di proprietari [VIDEO]

Marito e moglie sono ritenuti responsabili di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione: ogni mese incassavano affitti da 300 euro a settimana, totalmente in nero. Durante il blitz trovate 7 ragazze e un cliente

Nove monolocali trasformati in case di appuntamento: arrestata la coppia di proprietari [VIDEO]

Favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione: è questa l'accusa a carico di due persone, marito e moglie, proprietari di nove monolocali all'interno di uno stesso edificio in via Locana, che erano diventati case di appuntamento. 

L’attività trae origine da quanto raccontato ai carabinieri da una giovane rumena che ha ammesso di esercitare la prostituzione da alcuni anni e, nell’ultimo periodo, in alcuni monolocali del centro cittadino del capoluogo piemontese. Gli investigatori hanno così scoperto che l'affitto settimanale per un monolocale era di 300 euro, corrisposti in nero a una coppia di coniugi torinesi. Non solo nessun contratto di locazione, ma i pagamenti avvenivano esclusivamente in contanti o mediante ricariche di una carta prepagata intestata a uno dei due proprietari dello stabile.

Le indagini hanno consentito di raccogliere nuove prove e conferme, con un afflusso di clienti presso l'edificio che avveniva senza sosta, di giorno e di notte.

E' così scattato il sequestro degli alloggi, all'interno dei quali i militari hanno trovato sette giovanissime prostitute, di nazionalità rumena, bulgara, ucraina e russa, nonché un cliente italiano. Le giovani donne saranno ora identificate ed interrogate in caserma.

Una ventina i clienti sono stati identificati dai carabinieri e sono stati fermati all'uscita del monolocali adibiti a case di tolleranza Sentiti dai militari hanno ammesso di recarsi lì per prestazioni sessuali e di aver saputo del posto attraverso siti di incontri presenti sulla piattaforma web.

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium