/ Politica

Politica | 24 novembre 2020, 20:53

La richiesta di Uncem: "L'attenzione sullo sci valga per tutti i temi della montagna"

Ruzzola (FI): "Le Regioni hanno tracciato la rotta, adesso il Governo raccolga l'appello"

La richiesta di Uncem: "L'attenzione sullo sci valga per tutti i temi della montagna"

"È positivo si parli di montagna. Ma sarebbe importante che la stessa attenzione, anche da parte di chi la montagna la vede solo in una settimana bianca o in una gita della domenica, ci fosse sui molti temi che Uncem con gli Enti locali presentano da sempre, ogni giorno". Lo afferma Marco Bussone, presidente nazionale di Uncem (Unione comuni e comunità montane) a proposito della questione dell'apertura degli impianti sciistici.

"Nelle ultime ore - interviene Bussone - ho registrato una grande, inattesa, fortissima attenzione per la montagna e la sua economia. Della neve e dell'indotto. Attenzione per le montagne che presentano istanze al Governo, per i territori con imprese e forza lavoro da valorizzare. Politici, imprese, organizzazioni datoriali mi auguro possano appoggiare le proposte a Governo e Parlamento che Uncem sta facendo, a prescindere dall'importante stagione invernale per la quale aspettiamo indicazioni nazionali salvaguardando la salute pubblica in primis".

Bussone ricorda che le istanze Uncem "partono da una fiscalità differenziata e peculiare per imprese ed esercizi commerciali del territorio, da un potenziamento delle reti e delle infrastrutture tecnologiche, da uno sviluppo di nuovi servizi scolastici, sanitari, di trasporto che le comunità chiedono. Auspico la stessa attenzione di tutti, oggi e sempre, sulle proposte dei territori per legge di bilancio e piano nazionale ripresa e resilienza. E se qualcuno vuole definirla 'lobby della montagna', lo faccia sostenendo fino in fondo le proposte e le istanze delle Autonomie locali e delle comunità che vivono e tengono in vita i territori".

Sul tema interviene anche il capogruppo di Forza Italia in Regione Piemonte Paolo Ruzzola. “La conferenza Stato-Regioni ha tracciato la rotta sugli impianti sciistici, approvando all’unanimità delle linee guida per la loro riapertura in sicurezza.  Non è praticabile pensare di stoppare il secondo settore per fatturato in Piemonte non considerandolo essenziale. Non esiste una quantificazione economica per ristorare i danni che subirebbe questo comparto che rischia veramente di collassare se venisse fermato per tutti i mesi invernali, dopo aver già subito ingenti danni lo scorso inverno".

"Lancio un appello al Governo affinché riveda l’ipotesi di chiusura degli impianti che pare più improntata ad una visione ideologica della montagna, come luoghi di vacanza di una piccola minoranza di privilegiati e ricchi. La montagna è economia culturale, turistica, produttiva e molto altro ancora, se il Governo dovesse non prendere in considerazione il nostro appello di apertura degli impianti in sicurezza rischia di buttare al macero anni di politiche a favore del ripopolamento delle aree marginali italiane".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium