/ Eventi

Eventi | 26 novembre 2020, 11:05

Sabato 28 il "Donor Day" di Fondazione CRT: online 12 ore di raccolta fondi per 5 enti no profit

Campagne per CasaOz, Planetario, Musei Reali, Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro, Parco Nazionale Gran Paradiso

Sabato 28 il "Donor Day" di Fondazione CRT: online 12 ore di raccolta fondi per 5 enti no profit

Sabato 28 novembre, per 12 ore consecutive (dalle 10 alle 22), Fondazione CRT organizza online, sulla piattaforma donorday.it, la raccolta fondi per cinque istituzioni ed enti non profit del territorio: CasaOz Onlus, Infini.to-Planetario di Torino, Musei Reali Torino, Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro, Parco Nazionale Gran Paradiso.

 

Il Donor Day è il punto di arrivo di cinque campagne digital messe in campo da 50 giovani Talenti per il Fundraising durante il corso di alta formazione della Fondazione CRT per aspiranti professionisti della raccolta fondi. 

 

Sul sito donorday.it sabato prossimo i visitatori potranno fare una full immersion tra gli “stand virtuali” dei cinque enti non profit: le ricette, le fiabe di montagna e il laboratorio “Park attack” del Parco Nazionale Gran Paradiso; la colazione e la ginnastica degli astronauti, il quiz sulle astrobufale e la passeggiata stellare di Infini.to; il “salotto digitale” dei Musei Reali Torino; il laboratorio di cucina interattivo con gli chef di CasaOz; l’asta benefica con in palio opere e pezzi unici donati da artisti ed influencer della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro. 

 

Il programma completo della giornata è consultabile su donorday.it.


“Il Donor Day di Fondazione CRT contribuisce a radicare la cultura del dono sul territorio, in un momento storico davvero eccezionale, in cui è necessario rinsaldare il senso di comunità e far crescere la convinzione che ciascuno ha la responsabilità di costruire un futuro migliore”, spiega il Presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia.


“Percorsi di alta formazione per i giovani e di capacity building per gli enti non profit: lungo queste due traiettorie Fondazione CRT ha aperto finora nuove opportunità sul territorio nel campo del fundraising, con la prospettiva per il 2021 di trasferire competenze per la raccolta fondi anche al mondo della scuola, per migliorarne la sostenibilità e la capacità di resilienza”, dichiara il Segretario Generale Massimo Lapucci.


Ecco in dettaglio le cinque campagne di fundraising.


Infini.to-Planetario di Torino. Con la campagna “Explore.Together”, i Talenti per il Fundraising di Fondazione CRT hanno predisposto il primo programma di membership per il museo.

Musei Reali Torino. La campagna “Il grande assente”, attivata dai Talenti in collaborazione con il gruppo Rotary Club Torino Palazzo Reale, è finalizzata a restaurare un importante dipinto del Palazzo Reale di Torino danneggiato nell’incendio della Cappella della Sindone nel 1997 https://www.retedeldono.it/it/progetti/rctpr/il-grande-assente

CasaOz. La campagna “Ozline: insieme a CasaOz!” è stata ideata per sostenere i laboratori digitali e coinvolgere i bambini anche nel periodo di chiusura della casa

Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro. La campagna “È Tempo di Marroni” sensibilizza i giovani sulla prevenzione dei tumori maschili

Parco Nazionale Gran Paradiso. "GranPa - Un Parco Per Amico": gli studenti di Talenti per il Fundraising hanno predisposto la prima campagna di raccolta fondi online, con la Fondazione di Comunità della Valle d'Aosta, Cooperativa Arnica, Casa UGI e Fondazione Paideia, per “portare” il parco ai bambini e ragazzi in difficoltà

gofundme.com/f/etcqa-un-parco-per-amico


  

Lo scenario delle donazioni nell’era Covid

Nell’emergenza sanitaria, secondo i dati dell'Osservatorio Italia Non Profit, sono stati raccolti oltre 780 milioni di euro in Italia. 

 

Gli italiani sono propensi a donare online. Il terzo Global Trends in Giving Report (marzo-maggio 2020) evidenzia che un donatore su quattro ha donato tramite piattaforme ed eventi digitali (shop online, lotterie, aste virtuali). 

Facebook, Instagram e WhatsApp risultano essere i tre social network che spingono maggiormente le persone a donare in Italia, dove, rispetto ad altre aree del mondo, resistono le “posizioni dominanti” dei big della digital economy. Nel nostro Paese gli strumenti di raccolta fondi offerti da Facebook attraverso le sue piattaforme sono stati utilizzati da ben oltre il 50% dei donatori nel 2019 (contro il 44% nel resto d’Europa, al 40% in USA e Canada e addirittura all’11% in Asia). Lo stesso si può dire in relazione a PayPal, indicato da circa 1 italiano su 4 come strumento di donazione preferito per donare, ben al di sopra del corrispettivo dato nel resto d’Europa (11%), in Nord America (10%) e in Asia (15%).

 

Sia la Generazione X (i nati tra il 1965 e il 1980) che la Millennial Generation (i nati tra il 1981 e il 1997) sono quelle più rappresentate nel campione di chi dona con regolarità: con il 34% e il 32% rispettivamente, hanno superato il 30% di Baby Boomers che hanno partecipato alla ricerca.

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium