/ Politica

Politica | 28 novembre 2020, 13:03

«È due anni che vota contro senza dare spiegazioni», il sindaco di Pinerolo contro un suo consigliere

La replica di Musleh: «Mi aspettavo una richiesta di chiarimenti»

Foto di repertorio

Foto di repertorio

Al termine del Consiglio comunale in videoconferenza di ieri sera, il sindaco Luca Salvai ha sbottato contro il consigliere della sua maggioranza Rami Musleh: «È due anni che vota contro senza dare spiegazioni a noi e alla città». In un gruppo consigliare come quello del M5S, che in questi anni ha sempre viaggiato compatto, da qualche mese è evidente il “Musleh”.

Le sue divergenze su questioni fondamentali come le delibere di bilancio, su cui ieri si è di nuovo espresso in maniera contraria, hanno già portato a dei provvedimenti nei suoi confronti: è stato tolto dalla Quinta commissione, che si occupa proprio dei conti del Comune, e gli è stata ritirata la delega ai rapporti con la Comunità islamica, di cui fa parte, che comprendeva anche il tema della realizzazione di una Moschea a Pinerolo.

«Ho sentito le prime parole del sindaco ieri e ho staccato il collegamento. In questi mesi mi aspettavo un chiarimento, credevo che mi chiamasse per un confronto, invece non l’ha fatto. Semplicemente mi hanno tolto dalla commissione e ritirato la delega» commenta il consigliere, il cui destino politico, in vista delle prossime Comunali, è da capire. Visto che formalmente non è uscito dalla maggioranza, e resta a tutti gli effetti un alfiere del Movimento Cinque Stelle, anche se aveva contribuito a portare il movimento delle Sardine a Pinerolo, assieme all’ex consigliere di Italia dei valori Marco Gaido.

Marco Bertello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium