/ Attualità

Attualità | 29 novembre 2020, 19:52

Lotta contro l'Aids, la Città di Torino aderisce alla Giornata mondiale del 1° dicembre

La Mole Antonelliana sarà illuminata con il nastro rosso, simbolo della lotta all'Aids

Lotta contro l'Aids, la Città di Torino aderisce alla Giornata mondiale del 1° dicembre

La Giornata mondiale contro l'AIDS ha avuto origine al Summit mondiale dei Ministri della sanità sui programmi per la prevenzione dell'AIDS del 1988 ed è stata in seguito adottata da governi, organizzazioni internazionali ed associazioni di tutto il mondo.

 

È celebrata in tutto il mondo il 1° dicembre di ogni anno ed è stata la prima giornata mondiale della salute; è divenuta una delle principali ricorrenze e un'opportunità fondamentale per sensibilizzare sul problema, esprimere solidarietà alle persone sieropositive e commemorare coloro che hanno perso la vita, anche a causa di malattie correlate. 

 

Agli albori dell'epidemia dell'AIDS, l’individuazione di categorie a rischio prevedeva che i contagi da HIV e l'AIDS riguardassero quasi esclusivamente le persone gay, le persone tossicodipendenti o le persone che si prostituivano, non considerando a rischio di contagio altre persone. Per questo motivo le Associazioni LGBT si sono occupate di contrasto all'HIV e di sostegno alle persone affette da AIDS fin dagli anni ‘80. 

 

Con l'evolversi della malattia e della ricerca, si è compreso che l'HIV e l'AIDS potevano, e possono, colpire chiunque adotti comportamenti a rischio, indipendentemente dall'orientamento sessuale; nel frattempo le Associazioni avevano acquisito competenze ed esperienze per il contrasto all'epidemia che hanno potuto mettere al servizio di tutte le persone. Il ruolo delle Associazioni è infatti da sempre stato fondamentale nella lotta alla diffusione dell'HIV-AIDS: dai servizi di supporto, counselling, testing, informazione e formazione, riduzione dello stigma e discriminazione che ancora oggi accompagnano le persone sieropositive fino confronto costante con le istituzioni per l'accesso alle cure, alle sperimentazioni, alle campagne informative, e con l'industria farmaceutica per gli studi e le evoluzioni farmacologiche.

 

Quest'anno la città di Torino ha sottoscritto la Dichiarazione di Parigi con la quale la Città ha aderito alla Rete internazionale Fast Track Cities; una partnership globale tra città e municipalità di tutto il mondo e quattro partner principali: IAPAC (International Association of Providers of AIDS Care), UNAIDS (United Nations Programme on HIV/AIDS), UN-Habitat (United Nations Human Settlements Programme) e la Città di Parigi.

 

L’iniziativa, lanciata in occasione della conferenza mondiale AIDS nel 2014, permette alle città di tutto il mondo di entrare a fare parte di una rete internazionale che offre la possibilità di condividere azioni locali per porre fine all’Aids e ad altre epidemie entro il 2030.

 

Gli obiettivi delle Città aderenti alla Rete sono:

 

- 90-90-90 entro il 2020: 90% di persone con Hiv che conoscono il proprio status; 90% delle persone che conoscono il proprio stato e sono in terapia antiretrovirale; 90% di persone in terapia che raggiungono la soppressione virale;

 

- 95- 95-95 entro il 2030: 95% di persone con Hiv che conoscono il proprio status; 95% delle persone che conoscono il proprio stato e sono in terapia antiretrovirale; 95% di persone in terapia che raggiungono la soppressione virale.

 

Sette realtà del territorio, che fanno anche parte della Consulta Regionale HIV-AIDS, hanno sottoscritto con la Città di Torino la Dichiarazione di Parigi: Anlaids, Arcobaleno Aids, Casarcobaleno, Croce Rossa, Giobbe, Gruppo Abele, Lila. In occasione del 1° dicembre 2020 la Città di Torino e le associazioni sopra citate hanno organizzato delle iniziative compatibili con la situazione contingente, concentrandosi in modo particolare sulla comunicazione e combinando elementi online e offline. Altre associazioni hanno dato la loro disponibilità a collaborare sul tema e a formare un tavolo di lavoro: Agedo Torino, Arci Torino, Aripi De Lumina, Babi, Comunità Ebraica di Torino, Coordinamento Torino Pride, Mais, Sapere Plurale, Tampep, Uisp.

 

Il giorno 1° dicembre la Mole Antonelliana sarà illuminata con il nastro rosso, simbolo della lotta all'Aids, e con la scritta U=U (Undetectable = Untransmittable) ossia ‘non rilevabile = non trasmissibile’, cioè chi ha carica virale azzerata non può trasmettere il virus. Si tratta di una campagna lanciata nel 2016 e attuata in collaborazione con associazioni attive sul territorio in quasi 100 paesi: lo scopo è diffondere i risultati di tutta una serie di studi che mostrano come le persone con HIV che seguono correttamente una terapia antiretrovirale efficace non trasmettono il virus per via sessuale ai partner. 

 

Contrada Onlus, in collaborazione con la Città, ha inoltre ideato un logo personalizzato per l'adesione alla rete Fast Track Cities.

 

Le associazioni che hanno sottoscritto la Dichiarazione di Parigi hanno ideato una campagna video da diffondere sui social per comunicare quanto sia ancora importante parlare di questo tema affinché le persone si sottopongano al test e per combattere lo stigma verso le persone sieropositive.

 

 

 

A sottolineare l'importanza della comunicazione è Marco Giusta, Assessore ai Diritti della Città di Torino: "Sono molto felice che, nonostante le difficoltà di quest'anno, Città e associazioni si siano unite in una serie di azioni comunicative per la giornata del 1 dicembre. L'illuminazione della Mole, cuore della città, e il lancio della campagna online servono a tenere alta l'attenzione sul tema HIV, a favorire la prevenzione e a combattere lo stigma delle persone sieropositive, soprattutto in un momento in cui l'accesso ai test e alle cure è più difficoltoso. La Città e le associazioni partner hanno chiesto alla Regione di garantire percorsi di test e cura sicuri e un impegno costante anche in questo momento difficile, anche per quanto riguarda la Pep (profilassi post esposizione). Conoscere il proprio status sierologico è indispensabile per iniziare subito la terapia e abbassare la carica virale al punto da non poter più trasmettere ad altri il virus. L'AIDS è una pandemia globale, e mi auguro che - come con il Covid-19 - si faccia ogni sforzo per contrastarla".

 

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium