/ Attualità

Attualità | 22 dicembre 2020, 09:23

Settimo incentiva gli acquisti nei negozi della città: al via il "Buono Commercio Locale"

I clienti che spenderanno almeno 15 euro avranno diritto ad un buono

Il Comune di Settimo eroga buoni spesa a chi spende almeno 15 euro

Foto di repertorio

Per sostenere le attività commerciali e le famiglie il Comune di Settimo ha deciso di introdurre il Buono Commercio Locale, un'iniziativa che punta a promuovere gli acquisti nelle attività settimesi.

Il Comune, tramite Fondazione ECM, ha infatti investito 50mila euro che finanzieranno l'emissione di 10mila buoni da 5 euro l'uno. Verranno consegnati alle attività commerciali che vorranno aderire all'iniziativa, dopodiché saranno distribuiti dai commercianti stessi ai clienti. Ogni cliente che spenderà almeno 15 euro avrà diritto a un buono (o due buoni se spende almeno 30 euro), che potrà essere speso in un negozio diverso.
L'obiettivo è stimolare il commercio locale, allargando al contempo il più possibile la platea dei beneficiari degli aiuti. Una volta terminata l'iniziativa, i commercianti potranno restituire i buoni “spesi” dai clienti nel proprio negozio e ricevere in cambio il corrispettivo economico.

"Si tratta sostanzialmente di un incentivo – spiega l'assessore al commercio Chiara GaiolaI buoni sono concepiti per invogliare le persone ad acquistare nei negozi di Settimo. A questo proposito abbiamo suggerito la possibilità, solo per chi vuole, di praticare un ulteriore sconto del 10 per cento".

L'iniziativa punta a sostenere soprattutto le attività più colpite dal Covid: le attività ammesse sono gli esercizi di vicinato e medie strutture non alimentari, gli estetisti, i parrucchieri, gli artigiani la cui attività è stata ridotta o sospesa dai diversi DPCM o altri provvedimenti regionali, gli esercizi di ristorazione (bar, ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie) e gli operatori ambulanti del settore extra alimentare titolari di autorizzazioni sui mercati cittadini.

I buoni potranno essere spesi fino al 31 marzo.

"Il “buono commercio locale sarà utile anche a sostenere le famiglie, aumentando il loro potere d'acquisto - approfondisce l'assessore al sociale Angelo Barbati - È particolarmente importante in questo periodo che anticipa le feste, in cui sappiamo che le spese aumentano e incidono molto sul bilancio familiare".

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium