/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 12 gennaio 2021, 12:30

Covid, le Scuole di Lingue alzano la voce: "Noi lasciate da sole. Abbiamo una proposta per riaprire"

Escluse dai ristori, hanno registrato un calo di fatturato di ben oltre il 50% e un calo dei ricavi del 70%

Scuola di inglese

immagine di repertorio

Le Scuole di Lingue in Piemonte vogliono farsi sentire. Dall’inizio della pandemia ad oggi, il calo di fatturato di ben oltre il 50% e un calo dei ricavi del 70% ha messo in ginocchio questo settore e rischia di vedere la chiusura di molte di loro.

"Dimenticate dai vari DPCM, i codici Ateco delle scuole di Lingue non sono stati inseriti nell’elenco di coloro che avevano diritto ad accedere agli aiuti assegnati alle partite iva e pertanto, fino ad oggi, hanno dovuto sopravvivere contando solo sulle loro forze. Ma le forze si stanno esaurendo e i titolari delle Scuole di Lingue in Piemonte si sono uniti per cercare insieme una soluzione. Con sincerità e dignità in questi mesi hanno condiviso problemi e opinioni, si sono uniti in un coro dove non c’è un solista ma tante voci che insieme chiedono di non essere abbandonati", spiega Chiara Avidano.

Il confronto delle loro esperienze è riassunto in un sondaggio da cui si evince chiaramente la situazione precaria in cui ora versano: non è solo il drammatico calo di fatturato il punto di interesse, ma soprattutto la costante delle spese che devono affrontare, la riduzione dei turni lavorativi per il 40% di loro, la diminuzione della domanda di oltre il 70% e per oltre il 46% delle Scuole di Lingue una forte carenza di liquidità (che ha toccato anche le neocostituite le quali non hanno avuto accesso ai prestiti agevolati) ma, forse più di tutti, il fatto che come un effetto domino i loro collaboratori sono già in gran parte, e presto pericolosamente in aumento, rimasti senza lavoro. Perché le Scuole di Lingue a loro volta danno lavoro ad altre persone, i loro Docenti e il personale amministrativo, che il drastico calo delle prenotazioni a causa delle chiusure forzate ha visto rimanere senza incarichi e che vede una verosimile proiezione della situazione a breve con 1200 posti di lavoro a rischio nel 2021.

Docenti che rappresentano altre famiglie in difficoltà, altri professionisti in stand by che chiedono solo di poter continuare a lavorare. Paragonate alle scuole pubbliche durante le chiusure, le Scuole di Lingue non hanno però ricevuto la medesima attenzione e soprattutto non è stata fatta una valutazione oggettiva dei reali rischi a cui si sarebbero esposti gli studenti. Non classi numerose ma corsi in piccoli gruppi, se non addirittura corsi individuali, in locali dove certamente è possibile attuare e monitorare tutte le misure per garantire la massima sicurezza a studenti e insegnanti. Non lezioni di una intera giornata ma di una o due ore che permettono di controllare il numero di presenze e garantire spazi più che sufficienti a non creare alcun tipo di assembramento. In un Paese dove vantiamo eccellenze quando si parla di cultura, non dimentichiamo che le Scuole di Lingue sono dei piccoli fiori all’occhiello che con la loro attenzione e la loro dedizione hanno sempre garantito la divulgazione di una fetta di quella cultura di cui tanto amiamo ricordare. E’ arrivato il momento di ascoltare, e soprattutto aiutare, anche loro.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium