/ Politica

Politica | 22 gennaio 2021, 16:44

Scorie nucleari, Sicchiero: "Chieri aiuterà Carmagnola nella battaglia per dire no al sito"

Il sindaco di Chieri: “Bisogna procedere con approfondimenti e dati tecnici che escludano aree fortemente antropizzate o con terreni di pregio”

Alessandro Sicchiero

la promessa del sindaco Sicchiero: "Chieri aiuterà Carmagnola nella battaglia contro il sito di scorie nucleari"

"Abbiamo dato alla Sindaca di Carmagnola, Ivana Gaveglio, la piena disponibilità a contribuire, con le nostre competenze e i nostri tecnici, al lavoro di predisposizione delle osservazioni relative alla scelta di inserire il sito di Carmagnola tra le aree potenzialmente idonee ad ospitare il deposito unico nazionale dei rifiuti radioattivi. Su questo argomento occorre procedere con serietà, garantendo il confronto con i territori, e sulla base di informazioni e conoscenze puntuali": lo afferma il Sindaco di Chieri Alessandro Sicchiero.

"Sono certo che le osservazioni che andremo ad elaborare verranno attentamente valutate in sede  di seminario nazionale. Il fatto che questa settimana si sia tenuto il primo incontro del Tavolo di trasparenza e partecipazione sul nucleare, costituisce già una buona notizia, che dimostra la volontà di portare avanti un percorso di concertazione e consultazione pubblica".

"Come Comune di Chieri faremo la nostra parte. Ma faremo ciò che serve, ovvero approfondimento, analisi, dati tecnici. Così si risponde davvero alle giuste preoccupazioni dei cittadini. Sono abbastanza stupito nel vedere esponenti di partiti da sempre favorevoli alle centrali nucleari, trasformarsi oggi in ferventi antinuclearisti. Voglio ricordare che dieci anni fa, era il giugno del 2011, si svolse il referendum che abrogò la legge, voluta da Governo Berlusconi, che consentiva la produzione nel territorio italiano di energia elettrica nucleare".

"Credo che ora la proposta elaborata da Sogin possa costituire l’occasione per affrontare con la dovuta serietà e trasparenza il problema dei rifiuti nucleari presenti in Piemonte, che dovranno trovare una collocazione certamente non in aree fortemente antropizzate o con terreni di pregio ma in un sito adeguato e sicuro", ha concluso Sicchiero.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium