/ Cronaca

Cronaca | 25 febbraio 2021, 19:52

Detenuto malmenato da un agente di polizia penitenziaria mentre si trovava al Palazzo di Giustizia

A scatenare la rabbia del poliziotto sarebbe stato il fatto che l'uomo si era acceso una sigaretta all'interno del Tribunale. L'episodio è sotto indagine interna del carcere

il palagiustizia di Torino

Il Tribunale di Torino, dove sarebbe avvenuta l'aggressione

Un detenuto di 30 anni del carcere Le Vallette sarebbe stato malmenato da un agente di polizia penitenziaria per essersi acceso una sigaretta all'interno del palazzo di giustizia di Torino.

L'episodio, ancora da verificare, è sotto indagine interna del carcere. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l'uomo si trovava in una stanza sotto sorveglianza in attesa del suo processo. Dopo essersi acceso la sigaretta, sarebbe stato aggredito dall'agente, che gli avrebbe sbattuto la testa contro il muro rompendogli gli occhiali. A fermare l'aggressore sarebbero stati due suoi colleghi poliziotti.

Nel corso dell'udienza, il detenuto non ha raccontato nulla di quanto accaduto né al giudice né al suo avvocato. Una volta tornato in carcere, però, avrebbe accusato dei malesseri.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium