/ Pinerolese

Pinerolese | 26 febbraio 2021, 16:33

Sequestro a Pinerolo: “Hanno messo tra i dopanti anche le pastiglie della pressione di mio padre”

Gianandrea Momo fa chiarezza sul caso della scuderia finita nel mirino dei Nas e della Procura

Asd Dogonda

“Hanno considerato dopanti anche le pastiglie della pressione di mio padre” è incredulo, ma pronto a dare battaglia Gianandrea Momo, cavaliere affermato finito nei guai assieme al padre Giuseppe per il doping equino che i Nas hanno contestato, assieme al maltrattamento di animali e all’esercizio abusivo di professione medica.

“Tutto parte da una denuncia di una persona che prima era in società con noi e ha anche chiesto più volte di ritornare, dopo aver fatto denuncia” rivela Momo. La scuderia del centro federale Dogonda di Pinerolo, che conta una sessantina di equini, è stata sequestrata: “Gli animali sono stati affidati alla custodia mia e di mio padre e nessuno dei proprietari può venire a prenderli”.

Il caso di doping contestato riguarda il concorso ippico del 24 ottobre scorso, quando una quindicina tra carabinieri in borghese e veterinari si sono presentati alla Scuola federale di cavalleria di Abbadia Alpina, verso l’ora di pranzo. Sono stati lì diverse ore e hanno prelevato liquidi biologici dei 4 cavalli che avevano vinto le gare della mattina, tutti riconducibili all’Asd Dogonda, nonché controllato il camion per il trasporto degli animali e la zona dei box.

Le analisi hanno riscontrato la presenza di numerose sostanze: antinfiammatori, sedativi, antiipertensivi, diuretici.

Ma i Momo attendono gli esiti delle analisi per vedere il da farsi: “Hanno considerato dopanti molte sostanze che non lo sono: dalle pastiglie della pressione e il diuretico di mio padre, al cortisone che diamo al cane perché ha un tumore ai polmoni, passando per i disinfettanti degli zoccoli”.

La vicenda ha spinto anche l’organizzazione dei concorsi ippici a prendere una posizione: “Ci dissociamo da quanto accaduto, perché dal canto nostro abbiamo fatto le corse per bene. Ci spiace che siano stati coinvolti la Scuola di cavalleria e il nome di Pinerolo, ma non possiamo sapere cosa fanno gli iscritti ai concorsi – spiega Davide Azzolina, del circolo ippico il Rampante –. I controlli e le operazioni come questa servono comunque a mantenere il nostro sport pulito”.

Marco Bertello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium