/ Politica

Politica | 03 marzo 2021, 11:58

Terza ondata di Covid, Grimaldi (LUV): “Se le scuole non potranno restare aperte per tutti, lo siano almeno per i più piccoli"

Il capogruppo in Regione di Liberi Uguali Verdi chiede attenzione speciale per scuole dell’infanzia, elementari e medie". La stessa richiesta arriva anche da Magliano dei Moderati

Marco Grimaldi

Grimaldi (LUV): “Se le scuole non potranno restare aperte per tutti, lo siano almeno per i più piccoli"

I contagi in Piemonte corrono e la variante inglese, quella più contagiosa, sembrerebbe essere presente nella metà delle persone attualmente affette da Covid; ieri sono stati registrati oltre 1600 nuovi contagi di cui 1.406 tra la popolazione generale. “Questa situazione rende evidente, per l’ennesima volta, la necessità di dover prendere scelte anche radicali per la vita delle persone, tenendo presente però che non tutti possono organizzarsi", commenta Marco Grimaldi, capogruppo di Liberi Uguali Verdi in Regione.

"Penso al mondo della scuola, ad esempio, per il quale una tempestiva comunicazione alle famiglie e la possibilità di chiudere la settimana in presenza potrebbero fare la differenza sia nell’organizzazione familiare sia in quella scolastica: rispetto al totale dei nuovi casi quelli che arrivano da un ambito scolastico sono il 10% : si tratta di un numero alto ma che ci consente di tenere duro ancora almeno fino a venerdì”.

Siamo in una situazione molto simile a quella tra settembre e ottobre scorso, quando il tasso di crescita dei contagi era del 64%. Allora eravamo al principio della seconda ondata ma oggi, con un tasso di crescita del 48% rispetto alla scorsa settimana e del 66% nei primi giorno di questa, la situazione potrebbe essere ancora peggiore, sia per la variante inglese, sia a causa del fatto che gli ospedali sono già più stressati rispetto a quanto fossero dopo l’estate scorsa".

"Il fatto però che le scuole siano nuovamente le prime a chiudere rappresenta senz’altro una sconfitta della strategia italiana alla lotta al virus – conclude Grimaldi – e occorre dire con franchezza che chiudere anche le scuole dell’infanzia, le elementari e le medie senza un lockdown generale rischia di essere un paradosso inaccettabile: la sicurezza viene prima di tutto ma è intollerabile che, a un anno di distanza, si ipotizzano chiusure totali del mondo scolastico senza tenere minimamente in considerazione che per sopportare queste chiusure c’è chi rinuncia alla sicurezza – i nonni che devono badare ai nipotini – e al lavoro – le donne che sempre più spesso devono curare i figli”.

Anche Silvio Magliano si è detto d'accordo: "In queste ore il Presidente Cirio dovrà decidere che cosa fare alla luce del nuovo DPCM: siamo come Moderati estremamente preoccupati dalla possibilità di una chiusura delle Scuole di ogni ordine e grado a partire da lunedì. Si faccia di tutto per preservare l'attività didattica in presenza almeno dai Nidi alla Scuola Secondaria di I Grado, ricorrendo il più possibile alla dipartimentazione e intervenendo piuttosto, quando la situazione lo richiede, a livello locale".

 

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium