/ Politica

Politica | 27 marzo 2021, 14:13

Vaccini, Cirio: "Da Roma ci aspettiamo più fiale e meno fogli. Ma somministriamo moltissimo e da lunedì partono i medici di base"

Il governatore è stato in alcuni punti vaccinali piemontesi, da Settimo Torinese a Fossano, fino ad Alessandria: "Insieme a Lazio ed Emilia Romagna abbiamo il rapporto migliore tra residenti e vaccinati"

Alberto Cirio e persone

Alberto Cirio con alcune persone al centro vaccinale di Settimo Torinese

"Più fiale e meno fogli, anche se il Piemonte ha - insieme a Lazio ed Emilia Romagna - il miglior rapporto tra numero di residenti e persone vaccinate". Alberto Cirio guarda avanti, nella campagna di immunizzazione contro il Covid-19, ma non rinuncia a rimarcare quanto fatto finora.

Lo ha detto in una mattinata scandita dalla visita in tre centri vaccinali piemontesi: da Fossano, in provincia di Cuneo a Settimo Torinese, fino ad Alessandria. "Ci auguriamo però che dalla capitale arrivino più dosi e meno burocrazia. Questo vorrei chiedere al generale Figliuolo, che incontrerò martedì pomeriggio".

"Da questo momento così drammatico si esce soltanto con il vaccino - ha aggiunto il governatore -: è più importante dei soldi, dei Fondi europei e del Recovery Plan". E il conto alla rovescia verso una nuova svolta è agli ultimi rintocchi: "Da lunedì inizieranno le vaccinazioni anche dai medici di medicina generale. Sono pronte 40mila dosi alle farmacie territoriali perché si possa partire. Con quelli di oggi, siamo a 140 centri vaccinali in tutto il Piemonte, cui se ne aggiungono altri 54 di privati".

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium