/ Politica

Politica | 07 maggio 2021, 13:43

Asm e Fondazione Via Maestra, rinnovati i Cda delle municipalizzate di Venaria: “Fondamentali per la ripartenza” [INTERVISTA]

Fabio Giulivi, sindaco di Venaria: “Sono due realtà molto importanti per quanto riguarda la parte culturale e per l’aspetto della gestione delle farmacie, dello sport e del welfare. Abbiamo rinnovato i Cda completamente, con giovani e donne, lanciando un segnale di rinnovamento per la nostra città”

Fabio Giulivi con Diego Donzella e Mauro Milan

Fabio Giulivi con Diego Donzella e Mauro Milan

Rinnovare i consigli di amministrazione delle municipalizzate della Città, per rilanciare Venaria in questa fase di ripartenza. E’ quanto deciso dal sindaco Fabio Giulivi, che ha presentato i nuovi presidenti di Fondazione Via Maestra (Diego Donzella) e Asm (Mauro Milan).

 

 “Abbiamo da poco rinnovato i Cda della Fondazione Via Maestra e dell’azienda speciale multiservizi: sono due realtà molto importanti per Venaria, per quanto riguarda la parte culturale e per l’aspetto della gestione delle farmacie, dello sport e del welfare. Abbiamo rinnovato i Cda completamente, con giovani e donne, lanciando un segnale di rinnovamento per la nostra città” ha spiegato Giulivi.

 

Il sindaco ha poi proseguito, decantando l’importanza delle due realtà per Venaria: “Puntiamo molto sulle municipalizzate, hanno una flessibilità che l’amministrazione pubblica non può avere. La mission dei nuovi Cda è quella di affrontare la pandemia che ha sconvolto le nostre realtà dal punto di vista economico, immaginando una Venaria del domani, post pandemia. Una Venaria che dovrà affrontare una ripartenza dopo un periodo complicato. Dal punto di vista culturale e dal punto di vista del welfare, Fondazione e Asm sono due colonne portanti della nostra amministrazione”.

 

- Negli scorsi mesi è stato nominato il nuovo CdA dell’ASM Venaria che gestisce il trasporto scolastico per alunni diversamente abili, gli asili nido comunali, la mensa scolastica, l’impianto sportivo “Sport Club” e alle Farmacie comunali. Quali sono le sfide più grandi che dovrà affrontare il Consiglio, alla luce anche della pandemia di Covid-19?

 

Mauro Milan: L’emergenza sanitaria ha sicuramente creato criticità in tutti i settori delle attività produttive. Asm è riuscita a superare l’anno 2020 senza determinare perdite di esercizio e questo è un risultato importante che garantisce per il futuro operatività e tranquillità per la ripresa, per il quale Cda appena formatosi non può far altro che ringraziare i propri predecessori e il direttore. La sfida più importante, immediata, è il ripristino della piena operatività. La pandemia ha modificato le abitudini di tutti noi, ma speriamo che non siano modifiche consolidate e si possa tornare, nel più breve tempo possibile, a usufruire dei servizi che Asm ha sempre erogato in questi anni. La ripresa delle attività sportive, delle mense e delle farmacie, che in realtà hanno subito anch’esse dei problemi. La ripresa è l’obiettivo fondamentale, il ripristino dell’operatività significa salvaguardare tutti i posti di lavoro che Asm garantisce.

 

- Ed in tema di farmacie (ricordiamo che l’ASM Venaria gestisce 24 farmacie in 16 comuni della provincia) è stata lanciata la nuova App per i cittadini. In cosa consiste?

 

Mauro Milan: La nuova app è uno strumento con il quale Asm intende facilitare la vita dei cittadini: attraverso l’app sarà possibile prenotare i farmaci e recarsi in farmacia solo per il ritiro, quando questi saranno disponibili. Con l’app inoltre è prevista la creazione di una “cartella della salute”, un archivio degli acquisti fatti in farmacia, dei parametri vitali del cittadino, in modo tale che il rapporto con il farmacista si trasformi: la farmacia non sarà più solo il luogo dove si va a comprare il farmaco prescritto, ma sarà il luogo dove si troverà un professionista che diventerà un consulente in grado di consigliare le migliori terapie.

 

 

- A causa dell’emergenza è stato prorogato fino al 15 maggio compreso il termine per l’iscrizione al nido. Quali servizi educativi offrite ai genitori e bimbi che iniziano il loro percorso scolastico? Quanti posti ci sono? 

 

Mauro Milan: L’insieme degli asili è in grado di recepire 171 bambini, un numero importante. Per tutti il percorso si articola in diverse fasi: una prima di accoglienza, in cui il genitore potrà rimanere all’interno della struttura con gli operatori e i bimbi, per consentire il più facile ambientamento possibile. Dopodiché l’obiettivo è stimolare il bambino alla crescita attraverso il confronto con gli operatori e quindi permettergli di sentirsi ascoltato. Ci sarà poi la fase dell’apprendimento e del gioco finalizzato alla crescita e all’interazione. In ultimo una fase di sviluppo dell’autonomia: si cercherà di insegnare al bimbo a fare da sé, perché il percorso gli permetta di acquisire autonomia in fase di crescita. 

 

- In autunno dovrebbero essere vaccinati il 70% degli italiani, una percentuale che dovrebbe garantire l’immunità di gregge. Questo dovrebbe consentire di tornare ad una vita “normale” con la ripresa degli impianti sportivi. Quali sono, in quest’ottica, i progetti di rilancio per lo Sport Club Venaria?

 

Mauro Milan: Questo è uno dei temi più importanti, sul quale c’è maggiore sensibilità da parte del nuovo consiglio di amministrazione: durante la fase d’emergenza sanitaria, gli impianti sono rimasti completamente chiusi ma hanno dovuto sopportare costi di gestione e di manutenzione necessari per continuare ad assicurarne l’efficacia, come la pulizia dell’acqua delle piscine, sempre attiva e con costi non indifferenti. L’obiettivo di Asm in questa fase sarà quello di convincere i cittadini a tornare a fruire dell’impianto. Sono stati previsti una serie di corsi di ingresso con attività gratuite, per riabituare i cittadini ad accedere all’impianto. Con questa formula promozionale, auspichiamo di recuperare già da quest’estate e a regime da settembre, la piena operatività dell’impianto. 

 

 

- Negli scorsi mesi è stato nominato il nuovo CdA di Fondazione Via Maestra che gestisce il Teatro della Concordia e la biblioteca civica. Quali sono le sfide più grandi che dovrà affrontare il Consiglio, alla luce anche della pandemia di Covid-19?

 

Diego Donzella: La pandemia è stato un evento traumatico per il settore cultuale, anche per il nostro teatro e la nostra biblioteca. Ciononostante, anche nei mesi più bui, sia il teatro con eventi in streaming, che la biblioteca con il servizio di prestito dei libri, sono riusciti a garantire un minimo di servizio agli utenti. Di questo siamo molto contenti. Certamente ora bisogna programmare la ripartenza, con standard elevati di sicurezza per spettatori e utenti della biblioteca e calendarizzare gli spettacoli e gli eventi che avranno luogo nei mesi prossimi. Già oggi Venaria è al centro dell’interesse, insieme ad altre 13 città europee, avendo aderito a un importante progetto europeo.

 

- Finalmente sembra che possa ripartire il comparto degli eventi. Cosa sta preparando il Teatro della Concordia per la stagione estiva?

 

Diego Donzella: Il 22 maggio riapre ufficialmente il teatro Concordia, da subito dando attenzione ai più piccoli e alle loro famiglie, con due spettacoli: Pierino e il Lupo e la Lampada di Aladino, oltre a tanti spettacoli suggestivi per gli amanti della musica. A giugno presenteremo la stagione teatrale 2021-2022, che partirà a settembre.

 

- Nello statuto della Fondazione viene messo in luce il rapporto privilegiato con il mondo associazionistico locale. Come si concretizza la collaborazione tra le due realtà?

 

Diego Donzella: Le associazioni sono attori fondamentali del territorio e quindi la Fondazione ha da sempre avuto a cuore la collaborazione con loro. Questo Cda ne ha fatto uno dei principali obiettivi del mandato: nei prossimi mesi ci sarà spazio per una partnership ancora più stretta. 

 

-  La Fondazione collabora attivamente con la Reggia di Venaria Reale. Quali sono le prospettive di partnership tra le due realtà, con l’obiettivo di essere volano culturale ed economico del territorio?

Diego Donzella: Consorzio e Fondazione sono ormai partner storici, visto che la Fondazione ha collaborato ad alcune delle più belle stagioni alìinterno degli spazi dei giardini della Reggia. Questa collaborazione continua anche quest’anno con la costruzione con altre realtà culturali come Fondazione Piemonte dal Vivo, Filarmonica del Regio, Teatro Piemonte Europa e Lingotto Musica o Fondazione Teatro Ragazzi Giovani di un’intensa stagione estiva nei cortili e nei giardini della Reggia. Anche nel 2021la Fondazione Via Maestra sarà protagonista di una stagione ricca di eventi che ci auguriamo possa essere all’insegna delle riaperture.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium