/ Attualità

Attualità | 24 maggio 2021, 18:18

Villa Glicini, via libera all'esternalizzazione della "casa della scherma" di Torino

La delibera è stata approvata dal Consiglio comunale. Chessa: "Doveroso e necessario, la procedura è finalizzata a non lasciare inattivo l'impianto"

villa glicini

Villa Glicini, via libera all'esternalizzazione della "casa della scherma" di Torino

Notizie importanti per il futuro di Villa Glicini: dopo diverse polemiche e vicende giudiziarie, il Consiglio comunale ha approvato una delibera presentata dall'assessore allo Sport Roberto Finardi che avvia l'iter per l'esternalizzazione dell'impianto.

Impianto in concessione da 5 a 20 anni

L'impianto, nel cuore del parco del Valentino, potrà essere assegnato tramite procedura di gara a un nuovo concessionario, visto che la concessione attuale risulta in scadenza. La durata della concessione avrà una durata minima di 5 anni ma potrà essere prolungata fino a 20 nel caso l’affidatario esprimesse l’intenzione di realizzare interventi di ristrutturazione o miglioramento della struttura che dovrà comunque rimanere dedicata prioritariamente alla pratica della scherma, per garantire continuità con la tradizione e la storia dell’impianto.Il voto odierno arriva dopo la revoca della concessione al Club Scherma Torino e il doppio pronunciamento di Tar Piemonte e Consiglio di Stato che hanno respinto il ricorso presentato dal vecchio gestore per chiedere l’annullamento del provvedimento. Oltre allo storico edificio, il complesso  di 5.200 metri quadrati circa dispone di un’area esterna composta da due campi da tennis in terra rossa illuminati, un campo da calcetto con impianto di illuminazione e tribune e una piscina estiva che rivestono carattere di pubblico interesse e dovranno essere messi a disposizione per attività formative e promozionali di associazioni e scuole oltre ad avere costi vincolati alle tariffe previste dall'Amministrazione.

Chessa: "Atto doveroso per salvaguardare la struttura"

"Dopo il contenzioso in cui Tar e Consiglio di Stato hanno confermato il corretto comportamento della Città, questo è un atto necessario e doveroso per salvaguardare la struttura" è il commento di Marco Chessa (M5S). "Era doveroso per salvaguardare la struttura e per preservare la pratica della scherma: è chiaro e palese che questa nuova procedura sia finalizzata a non lasciare inattivo un impianto che presidia quotidianamente una parte importante del Parco del Valentino" ha ribadito il consigliere comunale.

Davide Ricca attacca Napoli e il centrodestra

Polemico il presidente della Circoscrizione 8, Davide Ricca: "Vorrei capire perché il consigliere Osvaldo Napoli ha partecipato insieme ai 5 Stelle alla votazione sull’esternalizzazione dell’impianto di Villa Glicini, consentendo così il mantenimento del numero legale. Cosa immagina il centrodestra per il futuro del Club Scherma Torino ASD?".

"Credevo che la coalizione di centrodestra fosse per una discontinuità secca con la politica della Giunta uscente" ha aggiunto Ricca.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium