Elezioni comune di Torino

 / Economia e lavoro

Economia e lavoro | 13 giugno 2021, 18:30

Matrimoni, arriva il "Sì" più atteso: con la zona bianca tornano a lavorare 38 mila imprese e 113 mila addetti

Nel 2019 sono stati celebrati 12.306 matrimoni mentre nel 2020 solo 7.098 con un crollo del 42,3% (-5.208). Felici (Confartigianato): "Un lungo elenco di attività, fondamentali per l'economia del territorio"

due sposi si tengono per mano

Con la zona Bianca il settore degli eventi e dei matrimoni intravede la fine dell'incubo

Un intero settore che ruota intorno a un "Sì". Certo, per il comparto del wedding (matrimoni e cerimonie) non è una novità, ma in questo caso non si attende una sposa in ritardo o uno sposo timido. Il sì è quello alla ripartenza, che arriverà soltanto con l'avvento della zona bianca, prevista per il 15 giugno.

Per il Piemonte, si tratta di un comparto che conta 38 mila imprese e quasi 113 mila addetti. E se nel 2019 in Piemonte sono stati celebrati 12.306 matrimoni, nel 2020 - causa Covid - se ne sono celebrati solo 7.098 con un crollo del 42,3% (-5.208). Una mazzata, per tutto il comparto.

Anche perché il matrimonio non è solo il ricevimento, dunque il catering e i camerieri. Si stima che, attorno a una cerimonia, ruotino almeno 30 professionisti che vanno dai wedding planner alle agenzie di service, di eventi, di viaggi, di organizzazione di cerimonie, e dai produttori di bomboniere si passa per i sarti, i parrucchieri, gli estetisti, i fioristi, gli orafi, i fotografi, gli autisti, si arriva ai cuochi, ai camerieri, e ai gestori di ristoranti e dimore e si conclude con i musicisti di ogni genere e gli organizzatori di spettacoli e di intrattenimento.

Un piccolo esercito, che si muove a ogni evento da organizzare. “Il settore del wedding, anche in Piemonte, ha subito pesanti effetti della crisi Covid-19  a  causa  dei  provvedimenti  introdotti  per  il  contenimento  del virus – commenta Giorgio Felici, presidente di Confartigianato Imprese Piemonte – inoltre le imprese operanti in questo segmento sono state ulteriormente penalizzate, seppur con intensità differenti, dal crollo di eventi, congressi, fiere e delle attività culturali e di attrazione turistica”.

Il settore ha bisogno di lavorare e incassare, anche per disinnescare la bomba ad orologeria sociale attivata con lo sblocco dei licenziamenti – continua Felici –  soprattutto per il settore matrimoni, infatti, questo è il periodo cruciale”.

Sulla base delle rilevazioni di Confartigianato Imprese, molti dei settori rientranti nel perimetro del settore del wedding figurano tra quelli che nel 2020, rispetto all’anno pre-crisi (2019), hanno registrato cali di fatturato delle MPI superiori a quello medio del -25,5%: trasporto persone (-73,8%), pasticcerie (-36,7%), moda (tessile, abbigliamento, calzature, occhiali e gioielleria) (-35,9%), comunicazione: grafici e fotografi (-33,7%) e area benessere (acconciatori ed estetica) (- 33,6%). "Un settore in caduta libera – conclude Felici – Dal lungo elenco di attività si capisce però quanto sia importante il peso economico del comparto sull’economia del territorio".

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium