/ Attualità

Attualità | 27 giugno 2021, 18:02

Pedalando sulla Green Belt: dove l’amore per le due ruote incontra la natura lungo la Dora (FOTO)

Sopralluogo della seconda e sesta commissione nell’infrastruttura ciclabile completata pochi mesi fa. Unia: “Progetto che connette parco Dora, la Pellerina e il Castello di Lucento”

Pedalando sulla Green Belt: dove l’amore per le due ruote incontra la natura lungo la Dora (FOTO)

Dalla Pellerina a piazza Baldissera, passando per il castello di Lucento, e ammirando la Dora. E’ in questi primi giorni d’estate che la pista ciclabile Green Belt sembra aver raggiunto il punto più alto del suo potenziale.

Sì, perché dopo l’inaugurazione della passerella ciclo pedonale tra via Calabria e il giardino del Castello dello scorso aprile, il percorso è finalmente utilizzato da tanti torinesi che stufi di stare in città, si ritrovano immersi nella natura senza spostarsi da Torino.

Soddisfatto dei lavori svolti dall’amministrazione, l’assessore all’Ambiente, Alberto Unia: “È un bellissimo progetto che ha consentito di mettere in connessione il parco Dora con il parco della Pellerina da un lato e il castello di Lucento dall'altro”. “Questo percorso in mezzo alla natura, utilizzabile tanto dalle bici quanto dai pedoni, ha riqualificato completamente un’area verde inutilizzata da anni e adesso finalmente fruibile da tutti i cittadini” conclude Unia.

Negli scorsi giorni, la Sesta e Seconda commissione hanno effettuato un sopralluogo per rendersi conto dei lavori svolti, delle criticità e degli aspetti da migliorare: “E’ una bella pista, molto interessante. Nonostante sia stata aperta in più fasi distinte, Torino ha oggi un collegamento tra le Vallette e il Parco Dora, che va ad ampliare il biciplan” spiega Federico Mensio (M5S). “E’ ovvio che non è una pista utilizzabile per il trasporto ciclabile per chi va a lavoro, ma è più idonea a momenti di svago, a una pedalata in famiglia” afferma il consigliere grillino.

Le Commissioni, dopo aver pedalato dalla cascina Marchesa a piazza Baldissera, manderanno le loro osservazioni agli uffici, al fine di migliorare ulteriormente l’esperienza dei ciclisti: “Ci sono alcuni attraversamenti semaforici da rivedere, come quello tra via Nole e via Pianezza o via Borgaro. Non sono sincronizzati alla perfezione”.

Di certo, sperando che la bella stagione possa regalare ai torinesi giornate soleggiate,  gli amanti delle due ruote potranno godersi momenti di relax in mezzo alla natura, senza spostarsi dalla città.

 

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium