Leggi tutte le notizie di BACKSTAGE ›

Attualità | 23 luglio 2021, 16:06

Covid, dopo mezzanotte stop alla vendita di cibo d'asporto nelle zone della movida torinese

Giro di vite, sette giorni su sette fino al 30 novembre, che impone di sospendere la vendita di pizza, panini e kebab da asporto in centro, Vanchiglia, San Salvario e Regio Parco

La movida alle panche

La movida alle panche

Stop da oggi fino al 30 novembre alla vendita di cibi e bevande da asporto nelle zona della movida.

Alla vigilia del weekend - arriva un nuovo giro di vite nel centro, Vanchiglia, San Salvario e Regio Parco – per cercare di prevenire assembramenti, nell’ambito delle misure per contrastare la diffusione del Covid 19. Il divieto di asporto al momento è valido sette giorni su sette, ma il Comune dopo questo weekend - alla luce anche dell'andamento epidemiologico e del confronto con le associazioni di categoria - valuterà se mantenerlo in vigore da giovedì a domenica. 

Un provvedimento che segue quello entrato in vigore ieri, che consentiva fino al 30 novembre - nelle giornate di giovedì, venerdì, sabato e prefestivi, dalle 24 alle 3 della notte - la somministrazione di bevande alcoliche o superalcoliche "unicamente all'interno dello spazio di somministrazione autorizzato e appositamente destinato al consumo dei prodotti e tramite servizio assistito al tavolo"

La sindaca Chiara Appendino ha firmato questo pomeriggio un’ordinanza che impone a bar, ristoranti e locali di sospendere la vendita di birra, cocktail, ma anche panini, kebab e pizza da asporto dopo la mezzanotte.

Le zone di Torino interessate dal nuovo stop comprendono: via Giolitti ambo lati, via delle Rosine ambo lati, via Po ambo lati, piazza Vittorio Veneto, via Giulia di Barolo ambo lati, via Verdi ambo lati, via Roero di Cortanze ambo i lati, corso San Maurizio, Lungo Po Diaz, Lungo Po Cadorna; corso Regina Margherita, via Napione ambo i lati, corso San Maurizio; corso Regio Parco, corso Verona, Lungo Dora Firenze; corso Dante (ambo i lati), via Nizza, corso Vittorio Emanuele II, corso Massimo D’Azeglio.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium