/ Attualità

Attualità | 04 settembre 2021, 07:30

“E mi avete accolto”: a Torino dal 5 settembre al 31 ottobre il Festival dell’Accoglienza

In 56 giorni di rassegna, 55 eventi e 37 partner. Nosiglia: “Torino è una città che accoglie: così è stato, è e sarà”

Chiara Appendino e Cesare Nosiglia

Chiara Appendino e Cesare Nosiglia

In tempo di pandemia, con un dramma sociale in Afghanistan in atto, a Torino va in scena “E mi avete accolto”, il primo Festival dell’Accoglienza. L’appuntamento, che raccoglie la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, della Memoria e dell’Accoglienza e quella Missionaria Mondiale, si svolgerà dal 5 settembre sino al 31 ottobre. Cinquantasei i giorni di festival, per 44 eventi e 37 partner.

Il festival dell’accoglienza


L’iniziativa targata Ufficio Pastorale dell’Arcidiocesi di Torino proporrà incontri di approfondimento, cineforum, presentazione di libri e tanto altro. Ricco poi il parterre di ospiti: parteciperanno tra gli altri Maria Pia Bonanate, Fabio Geda, Enaiatollah Akbari, Giorgio Brizio, Paola Randi, Gian Carlo Perego e Gustavo Zagrebelski. L’obiettivo? Offrire un’occasione alle istituzioni e ai torinesi per soffermarsi a riflettere sui significati profondi del verbo accogliere, sulle pratiche dell’accoglienza e sulle condizioni dei migranti.

Appendino e Nosiglia: “Torino città accogliente”

Torino è stata, è e sarà sempre una città accogliente” ha affermato l’arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia. “Negli ultimi anni - ha ricordato il monsignore - Torino ha vissuto una stagione molto positiva sul fronte dell’accoglienza: i volontari sono un esempio per il paese. Occorre basare l’accoglienza sulla cultura dell’incontro”. “Il festival è una bellissima occasione per diffondere la cultura dell’accoglienza. Questa iniziativa ci aiuta costruire il tessuto immateriale necessario perché Torino continui a essere una città accogliente: accogliere significa ammettere che possa esistere il fallimento e purtroppo il fallimento fa più notizia della storia che arriva a buon fine” è il commento di Chiara Appendino. “Torino è già un modello, ma questo festival contribuirà ad allargare ulteriormente il campo” ha concluso la prima cittadina.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium