/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 09 settembre 2021, 07:20

Torino si mette in vetrina dopo la pandemia: "Tutto può diventare un motore di turismo". E intanto AirBnb la celebra in Europa

Una conferenza al Museo dell'automobile farà il punto di quanto fatto e quali potenzialità ci sono ancora da esplorare, dopo un periodo così difficile. "Abbiamo atteso due anni e mezzo: vogliamo dare un segno forte". Appendino: "Noi, in cima alla top ten delle mete per l'autunno"

turisti in una piazza aulica di Torino

Torino vuole valorizzare ancora di più la propria vocazione turistica

Torino che coltiva il suo sogno di diventare meta turistica si dedica una mezza giornata per raccontare quanto fatto finora (e quanto ancora c'è da fare). È fissato per il 17 settembre - un venerdì, alla faccia della scaramanzia - l'appuntamento con "Turismo è: E'vento di turismo", conferenza a più voci che vedrà il Museo dell'automobile fare da cornice a interventi e relazioni che spazieranno dal Museo dell'auto a quello del cinema, passando per il settore degli alberghi, l'arte, l'architettura e molto altro ancora.

Dalle 9 alle 13, tra gli stand e le parole, si cercheranno nuove strade e direzioni da seguire. "Parliamo di turismo a 360 gradi, perché tutto può portare turismo", spiega l'organizzatore, Antonio Chiarezza, storico giornalista e fotoreporter torinese.

"Ognuno vede il turismo a suo modo, con moltissime modalità e obiettivi che ciascuno vuole - prosegue Chiarenza - dal relax al cibo, fino al divertimento e l'avventura o la cultura e la religione. Le potenzialità sono enormi, ma bisogna crederci e parlarne, creando eventi e situazioni".

E che le potenzialità siano importanti, lo confermano anche gli ultimi dati di AirBnb (celebrati su Facebook dalla sindaca Chiara Appendino), che fanno della città della Mole la destinazione più ambita in autunno a livello europeo. Torino è prima nella top ten, davanti a Bologna, Milano, Favignana, Verona, San Vito Lo Capo, Madrid, Valencia, Genova e Barcellona. "Tra il 2016 - anno del nostro insediamento - e il 2019 - dice la prima cittadina - gli arrivi in città sono aumentati di oltre il 22%". 

 

Due anni e mezzo di attesa per un messaggio ancora più forte

"Un evento pensato due anni e mezzo fa e tutti sappiamo cosa è successo nel frattempo - spiega Michele Franco, curatore d'arte - quindi il messaggio è il segnale è ancora più forte".

Torino gioca le sue carte come destinazione di prossimità

"Era tutto pronto e programmato - commenta Guido Bolatto, segretario generale di Camera di commercio di Torino - ma ora si comincia a intravvedere la luce, riprendono i flussi turistici e i dati recenti confermano un agosto straordinario per Torino, facendo meglio del 2019". "L'impossibilità di fare viaggi lontani spinge alla riscoperta di mete più vicine e accessibili e Torino ha carte importanti da giocare, in questo senso. È importante che si faccia il punto sull'andamento del turismo nella nostra città, mettendo a fuoco i punti più importanti, soprattutto dopo una fase come la pandemia".

"Sono stati anni molto difficili - racconta Mariella Mengozzi, direttrice del Museo dell'auto - ma luglio e agosto hanno segnato una forte ripresa. E le presenze sono state a forte prevalenza straniera. Ma con la ripartenza delle scuole, se tutto andrà bene, vedremo quale sarà l'andamento".

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium