Moncalieri | 19 settembre 2021, 14:58

Va in archivio un'estate da tutto esaurito al Castello Reale di Moncalieri

Oltre 2.000 visite in due mesi, dalla ripartenza del comparto culturale dopo le chiusure legate al Covid. La soddisfazione dell'assessore Laura Pompeo

castello reale moncalieri

Un'estate da tutto esaurito al Castello Reale di Moncalieri

L'estate che si sta chiudendo fa segnare un bel segno positivo a Moncalieri per il comparto della cultura, così tanto messo a dura prova da restrizioni e zone rosse dovute all'emergenza coronavirus.

Al Castello oltre 2 mila visite in 2 mesi

Le presenze turistiche presso il Grinto Urban Eco Village sono cresciute esponenzialmente a luglio e agosto, con un incremento del 25% sul 2019 e di oltre il 60% rispetto al 2020. E anche il Castello Reale “sbanca”: oltre 2.000 le visite in pochi mesi, dalla ripartenza dopo le chiusure legate al Covid.  

Numeri lusinghieri anche per l'Eco Village 

Il Grinto Urban Eco Village è il nuovo villaggio turistico sito nei pressi del parco Vallere.  Fin dai suoi primi anni di attività si è attestato come riferimento per coloro che desiderano visitare l'area metropolitana torinese usando le varie forme di campeggio. Il risultato è stato possibile grazie alla netta crescita di arrivi da oltre confine, con una prevalenza di turisti tedeschi, olandesi, francesi, belgi e spagnoli. 

Il risultato è ancor più interessante se si pensa che in base ad un sondaggio fatto tra i visitatori, Torino e Moncalieri si sono rivelate delle mete turistiche che hanno ampiamente confermato le attese. Molti di essi hanno infatti protratto il loro soggiorno al Grinto oltre il periodo previsto, per approfondire la conoscenza dei centri storici delle due città e dei dintorni. 

La soddisfazione di Laura Pompeo

“L’exploit della nostra ricettività e dell'offerta culturale, a luglio e agosto, è la dimostrazione che le nostre strategie culturali e turistiche di lungo periodo sono vincenti – dichiara l'assessore alla Cultura del Comune di Moncalieri Laura Pompeo – Anzitutto si è sempre lavorato con fedeltà assoluta al grande progetto sulla città condensato nella strategia Moncalieri Città nel nel Verde, che guida la nostra azione da 6 anni”.

Inoltre si sono rivelate determinanti le intuizioni e la passione con cui l’Assessorato ha sempre affrontato il tema del Castello Reale, patrimonio Unesco (come del resto il sistema naturale gravitante intorno al fiume Po e alla collina): “Certo non saremmo arrivati da nessuna parte senza la leale, fattiva collaborazione delle istituzioni implicate : Carabinieri, Ministero della Difesa, Ministero della Cultura, Soprintendenza. Ma è soprattutto grazie alla  determinazione e disponibilità dell’amministrazione comunale che oggi il Castello Reale, altrimenti chiuso da diverso tempo dopo l’ultima campagna di recuperi e restauri, è stato riaperto alle visite".

Presto l'apertura del Parco Storico del Castello

"Un’altra intuizione che rivendichiamo con orgoglio e che porterà frutto nel prossimo periodo, è stata l’acquisizione definitiva del Parco Storico del Castello, a dicembre", conclude Laura Pompeo.

Un nuovo ampio spazio verde - un tempo riserva di caccia e luogo di loisirs di Casa Savoia - finora precluso al pubblico, che aprirà a breve, candidandosi a diventare il terzo motore dell’immagine turistica di Moncalieri, insieme al Castello Reale e al Parco delle Vallere.

Massimo Demarzi

Leggi tutte le notizie di STORIE SOTTO LA MOLE ›

Rossana Rotolo

Nata e vissuta a Torino, mi sono allontanata per qualche anno ma, dopo due brevi parentesi a Berlino prima e in Trentino poi, ho deciso di tornare a casa. Nonostante un’educazione di carattere prettamente scientifico, la passione per la scrittura ha preso presto il sopravvento e ho cominciato a raccontare con costanza il mondo della creatività, dall’arte contemporanea al teatro, dall’editoria all’arte di strada. Ho fatto del racconto del talento altrui la mia più grande missione.

Storie sotto la Mole
Poche città posseggono un patrimonio di storie e leggende quanto Torino. Ho ideato questa rubrica per dare spazio ai numerosi miti nati all’ombra della Mole: dall’origine dei dolci più prelibati, agli angoli nascosti della città fino ai numerosi fantasmi che ne occupano vie e palazzi. In questo spazio racconto a modo mio le storie più note, quelle meno note e anche alcune di mia completa invenzione.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium