/ Attualità

Attualità | 21 settembre 2021, 16:08

Nasce un nuovo centro culturale polifunzionale presso l’edificio ex Nebiolo

Accordo tra Confederazione Islamica Italiana e Comune di Torino: il centro sorgerà in via Bologna 55

immagine del progetto

Nasce un nuovo centro culturale polifunzionale presso l’edificio ex Nebiolo

La Confederazione Islamica Italiana (CII) è lieta di annunciare la nascita di un nuovo centro culturale polifunzionale presso l’edificio ex Nebiolo, sito in via Bologna 55 a Torino, volto alla completa riqualificazione della struttura. L’obiettivo di questa iniziativa è di costituire un elemento di qualità nel panorama cittadino, ponendosi al servizio dell’inclusione sociale, dell’internazionalizzazione e delle esigenze della popolazione locale – con particolare riferimento al processo di riqualificazione complessiva del quartiere Barriera di Milano, già avviato negli anni scorsi da diverse amministrazioni cittadine.

Lo studio sugli scenari di fruizione del progetto è stato sviluppato da un apposito gruppo di lavoro formato da docenti del Politecnico di Torino – Dipartimento di Architettura e Design, attivi nell’ambito del design per l’interculturalità – e da giovani studenti del TurinProject CII, che hanno operato con entusiasmo per impostare le progettualità del centro culturale; questo gruppo di lavoro si occuperà altresì della comunicazione che fungerà da “voce narrante” del centro – sia in relazione alla sua comunicazione interna (accoglienza dei visitatori, espositori, segnaletica, etc), sia nell’ambito dei suoi rapporti strutturali di interazione e di stretta collaborazione col territorio (media, istituzioni, società civile, etc).

Questo ruolo sarà svolto in continuità con la storia della zona e dell’edificio stesso: una delle più importanti fonderie di caratteri tipografici, nonché fabbrica di macchine per tipografia in Italia. L’architettura industriale di questo complesso racconta l’anima di un’epoca e di un territorio, nonché della cittadinanza che questi luoghi ha vissuto e contribuito a plasmare: essa sarà dunque accuratamente preservata nelle sue parti caratteristiche, di concerto con la Sovrintendenza, e le nuove identità, destinazioni d’uso ed attività connesse all’ex Fonderia saranno interpretate come un’accogliente e creativa “fucina di cultura” al servizio della cittadinanza.

In seguito alla sua completa riqualificazione, oltre l’80% dell’area sarà destinata a servizi di pubblica utilità aperti alla cittadinanza: biblioteca, area dedicata a mostre ed iniziative culturali, studentato universitario ed aule studio – che andranno così ad aggiungersi al sistema di servizi pubblici e privati offerti dalla Città. Luogo aperto al pubblico e rivolto principalmente alle sue esigenze, il centro declinerà nella molteplicità dei suoi spazi la coltura dei valori universali della pace, dell’accoglienza, del contrasto all’estremismo tramite l’educazione, della tolleranza e del servizio altruistico alla cittadinanza. Uno spazio sarà inoltre dedicato alle esigenze cultuali dei fedeli musulmani, che offrirà altresì un riferimento di valore anche turistico ai visitatori della Città, oltre a prevenire l’insorgenza di situazioni di disagio dovute alla mancanza di spazi idonei, verificatesi in altre città.

La CII ha formulato inoltre richiesta di affidamento in cura degli adiacenti giardini di via Como, come ulteriore assunzione tangibile di responsabilità e dimostrazione di desiderio di condivisione benefica col quartiere: lo spazio verde – che resterà ovviamente pienamente agibile a tutti i cittadini – sarà in tal modo riqualificato e valorizzato, anche con piccole attività di giardinaggio e piccola orticoltura, a beneficio degli studenti alloggiati e della Circoscrizione.

La CII intende sviluppare il progetto, secondo le linee descritte, in stretto coordinamento e diretta collaborazione non solo con l’amministrazione comunale, ma anche col tessuto sociale, economico, culturale e religioso della Città di Torino – nello spirito di una comune tessitura di relazioni locali, nazionali ed internazionali che sia di beneficio al rilancio della Città ed all’interesse della cittadinanza nel suo complesso. Dettagli sull’avviamento ed avanzamento delle attività saranno puntualmente forniti, di concerto coi nostri interlocutori istituzionali.

Il Comitato Interfedi di Torino e il Centro Federico Peirone, dell’Arcidiocesi di Torino, per la cultura, il dialogo e le relazioni cristianoislamiche, si sono congratulati con la Confederazione Islamica Italiana per il buon esito dell’accordo intervenuto con la Città di Torino. "Costruire occasioni di dialogo tra le diverse culture e religioni che convivono nella nostra comunità è la missione costitutiva del Comitato Interfedi, e questa iniziativa è un passo importante in questa direzione", ha commentato il Presidente Valentino Castellani. 

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium