Cronaca | 24 settembre 2021, 19:57

Furto di rame al cimitero: due arresti all'alba a Moncalieri. Devastate tombe e cappelle

Il sindaco Montagna: "Rivolgo un pensiero alle famiglie che hanno subito i danni alle tombe. Anche e soprattutto per loro auspico che venga fatta rapidamente giustizia"

Furto di rame al cimitero: due arresti all'alba a Moncalieri. Devastate tombe e cappelle

"I furti al Cimitero sono crimini odiosi, che fanno male perché colpiscono uno spazio dedicato agli affetti e alla memoria, in cui educazione e rispetto sono fondamentali". Lo scrive su Facebook il sindaco di Moncalieri, Paolo Montagna, riferendo come, negli ultimi giorni, siano scattate le indagini a seguito di diverse segnalazioni da parte di cittadini che, durante la visita ai propri cari, hanno scoperto tombe e cappelle devastate.

Le telecamere attive sul territorio hanno confermato le irruzioni e questa notte è scattato il blitz della polizia Locale. Alle 5 sono stati individuati, mentre uscivano dal Cimitero, due cittadini romeni che nella loro auto custodivano ben 850 chili di rame e piombo. Alla vista della polizia, hanno tentato la fuga, ma sono stati arrestati e ora si trovano in stato di fermo: dovranno rispondere di furto aggravato, resistenza in concorso e violazione di sepolcro.

"Rivolgo un pensiero alle famiglie che hanno subito i danni alle tombe", scrive Montagna, "anche e soprattutto per loro auspico che venga fatta rapidamente giustizia. Ringrazio l’Assessore Michele Morabito e il Comandante Orlandi per il lavoro di squadra che ha consentito l’arresto di questa mattina. E faccio i complimenti agli agenti impegnati per tutta la notte in questa importante operazione. Continueremo a vigilare affinché il nostro Cimitero continui a essere un luogo da frequentare in pace e serenità".

redazione

Leggi tutte le notizie di STORIE SOTTO LA MOLE ›

Rossana Rotolo

Nata e vissuta a Torino, mi sono allontanata per qualche anno ma, dopo due brevi parentesi a Berlino prima e in Trentino poi, ho deciso di tornare a casa. Nonostante un’educazione di carattere prettamente scientifico, la passione per la scrittura ha preso presto il sopravvento e ho cominciato a raccontare con costanza il mondo della creatività, dall’arte contemporanea al teatro, dall’editoria all’arte di strada. Ho fatto del racconto del talento altrui la mia più grande missione.

Storie sotto la Mole
Poche città posseggono un patrimonio di storie e leggende quanto Torino. Ho ideato questa rubrica per dare spazio ai numerosi miti nati all’ombra della Mole: dall’origine dei dolci più prelibati, agli angoli nascosti della città fino ai numerosi fantasmi che ne occupano vie e palazzi. In questo spazio racconto a modo mio le storie più note, quelle meno note e anche alcune di mia completa invenzione.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium