Cronaca | 24 settembre 2021, 12:58

Scoperto 'supermarket' della droga in Barriera di Milano

Mercoledì sono finiti in manette il 'custode' ed il corriere

droga recuperata dalla polizia

Scoperto 'supermarket' della droga in Barriera di Milano

Mercoledì pomeriggio, gli agenti del Commissariato Barriera di Milano, a seguito di attività info-investigativa, durata alcune settimane e diretta al contrasto dell’attività di spaccio di sostanze stupefacenti nell’area di Corso Giulio Cesare, Corso Palermo, Via Montanaro e Via Sesia, sono intervenuti in via Brandizzo, individuando un vero e proprio “supermarket” di cocaina e crack, traendo in arresto le figure del “custode” e del “corriere”.

Nell’appartamento – all’interno del quale, in passato, personale del medesimo Commissariato aveva tratto in arresto un cittadino senegalese per l’illecita detenzione di un importante quantitativo di sostanza stupefacente – erano presenti due cittadini subsahariani, un senegalese di 30 anni ed un gambiano di 26 anni, trovati in possesso di quasi 1000 dosi di cocaina e crack, già pronte allo spaccio. Gli involucri erano stati accuratamente occultati all’interno del contenitore della spazzatura. Ulteriori 20 dosi di stupefacente sono state rinvenute addosso al gambiano, sorpreso mentre stava uscendo dall’appartamento.

All’interno dell’abitazione, è stato anche sequestrato denaro contante e una grossa pentola con evidenti tracce di “cottura” della cocaina, procedimento notoriamente utilizzato per la trasformazione in cristalli di “crack”. 

E’ la prima volta che viene rinvenuto un numero così elevato di dosi, complessivamente 500 grammi, già pronte per l’immissione nel mercato dello spaccio, una vera e propria “centrale della droga”, in grado di rifornire i pusher operanti nella zona compresa tra Corso Giulio Cesare e Corso Palermo.

L’attività info-investigativa ha fatto emergere la figura dei due arrestati. Il cittadino senegalese, solito rimanere in casa, svolgeva il ruolo di “custode” dell’appartamento, occupandosi di custodire la sostanza stupefacente, fornendola solo a pochissime persone a lui note, che poi avrebbero rifornito i pusher per la vendita al dettaglio. Il cittadino gambiano, invece, agiva da “corriere”, prendendo in consegna lo stupefacente per destinarlo al mercato di zona.

redazione

Leggi tutte le notizie di STORIE SOTTO LA MOLE ›

Rossana Rotolo

Nata e vissuta a Torino, mi sono allontanata per qualche anno ma, dopo due brevi parentesi a Berlino prima e in Trentino poi, ho deciso di tornare a casa. Nonostante un’educazione di carattere prettamente scientifico, la passione per la scrittura ha preso presto il sopravvento e ho cominciato a raccontare con costanza il mondo della creatività, dall’arte contemporanea al teatro, dall’editoria all’arte di strada. Ho fatto del racconto del talento altrui la mia più grande missione.

Storie sotto la Mole
Poche città posseggono un patrimonio di storie e leggende quanto Torino. Ho ideato questa rubrica per dare spazio ai numerosi miti nati all’ombra della Mole: dall’origine dei dolci più prelibati, agli angoli nascosti della città fino ai numerosi fantasmi che ne occupano vie e palazzi. In questo spazio racconto a modo mio le storie più note, quelle meno note e anche alcune di mia completa invenzione.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium