Cronaca | 24 settembre 2021, 14:31

Un "vivaio di marijuana" con piante alte due metri nascosto in un giardino tra edere, palme, pomodori e gelsomini [VIDEO]

A Rosta. Il proprietario è stato messo ai domiciliari. In casa nascondeva varie armi, non tutte regolarmente denunciate

Un "vivaio di marijuana" con piante alte due metri nascosto in un giardino tra edere, palme, pomodori e gelsomini [VIDEO]

Un “vivaio di marijuana” è stato individuato dai carabinieri nel giardino di una ditta di Rosta. Tra edere, palme, pomodori e gelsomini, c'erano infatti anche 22 piante di marijuana alte circa 2 metri.

In una successiva perquisizione svolta a casa del proprietario, oltre a diverse armi regolarmente denunciate, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato una canna di 53 centimetri su cui era stato saldato un otturatore artigianale, e una pistola marca "Very" mod. 00, a cui era stata applicata artigianalmente una canna lunga circa 60 centimetri. L’uomo è stato messo ai domiciliari.

redazione

Leggi tutte le notizie di STORIE SOTTO LA MOLE ›

Rossana Rotolo

Nata e vissuta a Torino, mi sono allontanata per qualche anno ma, dopo due brevi parentesi a Berlino prima e in Trentino poi, ho deciso di tornare a casa. Nonostante un’educazione di carattere prettamente scientifico, la passione per la scrittura ha preso presto il sopravvento e ho cominciato a raccontare con costanza il mondo della creatività, dall’arte contemporanea al teatro, dall’editoria all’arte di strada. Ho fatto del racconto del talento altrui la mia più grande missione.

Storie sotto la Mole
Poche città posseggono un patrimonio di storie e leggende quanto Torino. Ho ideato questa rubrica per dare spazio ai numerosi miti nati all’ombra della Mole: dall’origine dei dolci più prelibati, agli angoli nascosti della città fino ai numerosi fantasmi che ne occupano vie e palazzi. In questo spazio racconto a modo mio le storie più note, quelle meno note e anche alcune di mia completa invenzione.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium