Nichelino-Stupinigi-Vinovo | 25 settembre 2021, 07:30

Emma: "Manutenzione continua di strade ed edifici, più attenzione alla cosa pubblica per migliorare Nichelino"

Il candidato sindaco del centrodestra attacca: "Non ha senso quanto è stato fatto in piazza Camandona, gli interventi vanno programmati nel tempo e non realizzati solo in campagna elettorale"

Nicola Emma in piazza Camandona

Emma: "Manutenzione continua di strade ed edifici, più attenzione alla cosa pubblica per migliorare Nichelino"

Di recente sono finalmente terminati i lavori in piazza Camandona, uno dei punti più importanti di Nichelino, una novità che non è andata giù a Nicola Emma, il candidato sindaco del centrodestra. "Non voglio fare polemica: c'è a chi può piacere e a chi no la nuova piazza. A me non piace, ma io preferisco entrare nel merito e parlo di errori tecnici e anche politici".

"Panchine a bordo strada con i divieti a sedersi: assurdo"

Emma scende nel concreto, per la sua denuncia: "Sono stati spesi tanti soldi della collettività per piazzare panchine a bordo strada, con successivi divieti a sedersi. Mi sembra assurdo, a cosa serviva tutto fare questo? Ci sono stati errori tecnici chiari". Il candidato della coalizione del cambiamento rincara la dose e ironizza: "E cosa è quella specie di letto matrimoniale che è stato messo? Serve forse per ospitare i senza tetto? Non penso che la soluzione sia quella di farli dormire in piazza".

"Errori politici, non solo tecnici"

Ma Nicola Emma va oltre. "Io che sono stato per anni assessore ai Lavori Pubblici e all'Urbanistica, visionavo tutti i progetti che riguardavano la città, da me, dai tecnici, dalla commissione preposta a controllare e poi dalla giunta". E incalza: "Chiedo che vengano almeno rimosse le panchine, così non hanno ragione di continuare a starci, se la gente non può sedersi".

"Manutenzione continua, non solo in campagna elettorale"

Ed allora Emma rilancia il progetto di un "Piano Marshall delle opere pubbliche" per rilanciare Nichelino: "Mantenere bene le strade e fare opere di manutenzione continua, questo può fare la differenza. E' un discorso che vale anche per un pò tutte le infrastrutture, dai tombini agli edifici comunali, con una manutenzione continua si risparmia. Non si possono fare nelle ultime settimane, sotto campagna elettorale, tutti quei lavori che non sono stati programmati in cinque anni".

Il candidato del centrodestra conclude con una battuta: "Meno male che non ha piovuto molto nell'ultimo periodo, altrimenti i marciapiedi sarebbero stati invasi dalle erbacce. E i tombini non vengono puliti, col rischio che le strade di Nichelino possano diventare dei fiumi se dovesse arrivare un grosso temporale".

comunicazione politico elettorale

Leggi tutte le notizie di STORIE SOTTO LA MOLE ›

Rossana Rotolo

Nata e vissuta a Torino, mi sono allontanata per qualche anno ma, dopo due brevi parentesi a Berlino prima e in Trentino poi, ho deciso di tornare a casa. Nonostante un’educazione di carattere prettamente scientifico, la passione per la scrittura ha preso presto il sopravvento e ho cominciato a raccontare con costanza il mondo della creatività, dall’arte contemporanea al teatro, dall’editoria all’arte di strada. Ho fatto del racconto del talento altrui la mia più grande missione.

Storie sotto la Mole
Poche città posseggono un patrimonio di storie e leggende quanto Torino. Ho ideato questa rubrica per dare spazio ai numerosi miti nati all’ombra della Mole: dall’origine dei dolci più prelibati, agli angoli nascosti della città fino ai numerosi fantasmi che ne occupano vie e palazzi. In questo spazio racconto a modo mio le storie più note, quelle meno note e anche alcune di mia completa invenzione.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium