Leggi tutte le notizie di BACKSTAGE ›

Politica | 17 ottobre 2021, 06:30

Oggi e domani si vota per eleggere il nuovo sindaco di Torino

Alle urne per il ballottaggio anche Pinerolo, Beinasco e San Mauro

urna elezioni

Oggi e domani si vota per eleggere il sindaco a Torino, Beinasco, Pinerolo e San Mauro

Dalle 7 alle 23 di oggi, domenica 17 ottobre, e poi ancora dalle 7 alle 15 di domani, lunedì 18 ottobre, Torino e altre tre città della provincia vanno al ballottaggio per eleggere il sindaco.

A Torino Lo Russo vs Damilano

Il secondo turno riguarda oltre 750 mila elettori: secondo i dati del Ministero, quasi 690 mila a Torino, 14.678 a Beinasco, 15.781 a San Mauro e 31.088 a Pinerolo. A Torino la sfida è tra il candidato del centrosinistra Stefano Lo Russo e quello del centrodestra Paolo Damilano per raccogliere l'eredità di Chiara Appendino.  Due settimane fa Lo Russo aveva chiuso con circa 5 punti di vantaggio (43,86 contro 38,9), ma al ballottaggio tutto si azzera e si riparte da 0 a 0: vince chi raccoglie il 50% più uno dei consensi, fondamentale sarà conquistare il consenso degli elettori degli altri undici candidati in corsa al primo turno, in particolare del 9% portato a casa da Valentina Sganga e il M5S.

Pinerolo tra continuità e cambiamento

Anche a Pinerolo la sfida è fra Movimento 5 stelle e centrodestra. Vanno infatti al ballottaggio il sindaco pentastellato uscente Luca Salvai, sostenuto anche dalle liste civiche La Città cresce, Pinerolo Coraggiosa e Pinerolo sinistra Lab, e il candidato del centrodestra Pino Berti, sostenuto da Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia, Udc e dalla lista civica Pinerolo Bellissima.

Il centrosinistra è rimasto fuori dopo il primo turno per il 2% circa dei voti, nonostante il centrodestra si fosse diviso dopo che la Lega aveva bocciato la candidatura del fuoriuscito Giuseppe Spidalieri, medico in pensione, che si è presentato con due liste civiche ed è arrivato al 13%. Una dote di voti che farà la differenza al ballottaggio.

Sfida al femminile a San Mauro

La sfida è tutta al femminile a San Mauro, dove Giulia Guazzora del centrosinistra e Paola Antonetto del centrodestra arrivano al secondo turno separate solo da 123 voti. Guazzora, sostenuta dal Pd con le liste civiche Giulia Guazzora Sindaca e Impegno per San Mauro, era assessore nella Giunta uscente guidata dal pentastellato Marco Bongiovanni. Ha vinto le primarie del centrosinistra per la candidatura a sindaco. Antonetto, consigliera FdI uscente, è appoggiata anche da Lega, Forza Italia e dalla civica Uniti per San Mauro. Se vincesse, il centrodestra con lei riconquisterebbe San Mauro dopo 20 anni.

A Beinasco M5S contro centrodestra

A Beinasco vanno al ballottaggio Daniel Cannati del centrodestra, al primo turno in vantaggio con il 39,5%, e Dino Lombardi del Movimento 5 Stelle, che ha raccolto il 30,6%. Cannati è sostenuto da Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia, ai quali si aggiunge la lista civica Una Nuova Stagione. Lombardi è appoggiato da una coalizione che include M5S, il nuovo simbolo Sinistra Popolare e le liste civiche Beinasco Prossima e Civica per Lombardi Sindaco, nelle quali sono confluiti alcuni fuoriusciti del Pd. Ago della bilancia, fatta salva l'incognita astensionismo, il 25,26% raccolto al primo turno alla candidata del centrosinistra Emanuela Semperboni, segretaria del Pd di Beinasco.

 

Massimo Demarzi

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

martedì 30 novembre
lunedì 29 novembre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium