/ Eventi

Eventi | 17 ottobre 2021, 09:04

“Tre cene” per parlare di un'Italia che non c'è più, i racconti di Guccini incantano il Salone del Libro

Lo scrittore e cantautore ha presentato al Lingotto la sua nuova opera ispirata alle storie dell'amato appennino tosco-emiliano tra osterie, sbronze, bestemmie, risate e amicizia

Francesco Guccini al Salone del Libro di Torino

Francesco Guccini al Salone del Libro di Torino

'Tre cene' per raccontare un'Italia che non c'è più, un'Italia povera e contadina intrisa di osterie, sbronze, stenti, bestemmie, risate e amicizia. Francesco Guccini ha presentato ieri al Salone del Libro di Torino la sua ultima fatica letteraria (intitolata, appunto, “Tre cene”) ispirata alla vita e alle storie dell'amato appennino tosco-emiliano dove è tornato a risiedere da vent'anni a questa parte.

Storie contadine di un mondo scomparso

Tra le pagine si possono intravedere alcuni tratti tipici delle tematiche gucciniane: “Nel libro – ha ammesso – racconto tre storie pistoiesi del passato attraverso tre tipologie diverse di mangiata: piccole storie contadine lontane dalle grandi epopee di re e imperatori. Una società tipicamente maschile dove le donne restavano in casa e dove l'attualità, in confronto, sembra di una castità e di una purezza uniche”.

Pur non esistendo più, secondo Guccini vale comunque la pena continuare a raccontare quel mondo: “Oggi non ci sono nemmeno più i castagneti – ha proseguito – e i funghi non crescono perché ci vorrebbe un bosco pulito, sono spariti perfino gli ubriaconi. Continuo a scriverne perché ho avuto la fortuna di crescere in un mulino ad acqua, luogo ideale per chi vuole raccontare storie mentre Modena e la pianura non sono mai state la stessa cosa”.

Le notti da Vito e il futuro da scrittore

L'occasione è stata buona anche per raccontare qualche aneddoto sulle famose notti bolognesi all'Osteria Da Vito, dove si può ritrovare un po' dell'atmosfera goliardica di 'Tre cene': “Un tempo – ha ancora aggiunto – si cantava moltissimo e ci si sfidava alle rime come i pistoleri del West: una sera di molti anni fa giocai con Benigni e gliene feci una impossibile da portare avanti tra birra e mirra; lui si arrabbiò molto”.

Lo sguardo finale di Guccini si è rivolto, nonostante gli acciacchi dell'età, al futuro e alla scrittura: “Ormai – ha concluso – ho scritto 8 gialli, 4 romanzi e molti altri racconti quindi posso tranquillamente definirmi uno scrittore. Al momento sto lavorando al nuovo giallo con Loriano Machiavelli e a una serie di racconti ispirati al mio periodo modenese; non vedendo quasi più e non riuscendo a leggere scrivo”.

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium