Eventi | 24 ottobre 2021, 15:33

Da David Bowie a Michael Jackson, da John Lennon a Mick Jagger, le icone della musica protagoniste a "The Others"

Le istantanee del fotografo Ron Galella e una rassegna di concerti live accompagnano la X edizione della rassegna, in programma dal 4 al 7 novembre al Padiglione 3 di Torino Esposizioni

john lennon e david bowie

Da David Bowie a John Lennon, le icone della musica protagoniste a "The Others"

David Bowie, Mick Jagger, Michael Jackson, Madonna, Elvis Presley, Debbie Harry, sotto gli occhi scorrono i volti e le fotografie delle grandi icone della musica del XX secolo. Una galleria senza pareti esibisce – dal ritratto allo scatto rubato – le istantanee in bianco e nero e a colori del fotografo internazionale Ron Galella. 

Il paparazzo statunitense delle “celebrities” più famoso della storia della fotografia è al centro della X edizione di The Others con “A gallery without walls” il progetto dedicato ai protagonisti più celebri della scena rock e pop del passato, nel focus presentato dalla galleria Alberto Damian. L’esposizione mostra le stampe ai sali d’argento provenienti direttamente dall'archivio del fotografo, quasi tutte vintage e stampate tra la fine anni ‘70 e la fine anni ‘90, integrate con stampe digitali moderne di medio-grande formato. 

Nel segno della musica, anche il progetto della galleria tedesca FRONTVIEWS, che trae ispirazione da Supernature, l’iconica canzone disco degli anni ‘70 di Cerrone, che raccontava i drammi ecologici e la distruzione ambientale messa in atto dall’uomo, con ritmi incalzanti e ossessivi. Cinque artisti (Alana Lake, Despina Flessa, Kathrin Koester, Katja Pudor e Thorsten Alexander Kasper) raccontano il senso di urgenza esistenziale attuale che stiamo attraversando, con l’utilizzo di simboli di repressione e trasformazione, citazioni rinascimentali, senso di fragilità e l’ipotetica sparizione dell’uomo. 

Disegni “performativi” influenzati da musicisti e compagnie teatrali, anche nel progetto proposto dalla galleria D406, nel lavoro di Stefano Ricci. Atmosfere sonore e recitative nei disegni con grafite, pastelli ad olio e gessi attraversano il “flusso di coscienza” che prende vita sulla carta, attraverso una dimensione magica ed evocativa. In occasione di The Others, viene presentata un’inedita serie di formato tondo realizzata con gesso bianco durante una piece con Vinicio Capossela. 

Per festeggiare i suoi 10 anni, The Others 2021 accompagna inoltre dal 4 al 7 novembre, il filone musicale dell’arte contemporanea con una nuova rassegna d’avanguardia di concerti collaterali live grazie al cameo di collaborazione con TUM che animerà l’area Garden del Padiglione 3 di Torino Esposizioni per tutta la durata della manifestazione, dal primo pomeriggio fino a mezzanotte. Dall’elettronica all’hip hop, il cartellone porta al centro personaggi innovatori e pionieri della scena torinese e internazionale.  

Al via giovedì 4 novembre con Gianluca Petrella, musicista contemporaneo di elettronica, jazz e avanguardia, e Alessandro Gambo, dj e collezionista musicale, direttore artistico di Jazz is Dead e TUM. Il duo Sick Advisor, curerà l'apertura di giornata dal titolo CONCERTO DI VINILI. 

Antonio Raia e Renato Fiorito nella serata CIRCUITI di venerdì 5 novembre, presentano in anteprima il loro ultimo disco Thin Reactions, mentre Sense Fracture accompagnerà il pubblico in un flusso destrutturato e misterioso che passa dal grime all’elettronica estrema. Emiliano Comollo (progetto TUM) e Luce Clandestina (Ossessione Uno) accompagneranno le esibizioni, con i loro innovativi dj-set. 

Si prosegue con GHETTO sabato 6 novembre, insieme a DJ Next ONE. Membro della Rock Steady Crew di New York e divulgatore internazionale della scena hip hop, artista completo e pioniere nella produzione, selezione, ballo e organizzazione di eventi legati alla scena, presenta AgeOfAquarious Sound. In apertura, il collezionista ed esperto di black musica Andrea Passenger, dj resident di Jazz Re:Found e Magazzino Paradiso. 

Gran finale a The Others 2021, domenica 7 novembre, con la serata MAPPAMONDO  e Salgari Records Showcase. Un viaggio internazionale proposto da Salgari Records, etichetta di ricerca di world music ed elettronica che presenta i Chalanga (elettronica e sax) e Voz de La Frontera (elettronica e violino). Durante la giornata, Marco Pollarolo (attore, musicista e antropologo) intraprende un viaggio tra Asia, Africa e Sud America tra leggende e storie fantastiche con Storie d'Altrove, storytelling dal Mondo. 

redazione

Leggi tutte le notizie di STORIE SOTTO LA MOLE ›

Rossana Rotolo

Nata e vissuta a Torino, mi sono allontanata per qualche anno ma, dopo due brevi parentesi a Berlino prima e in Trentino poi, ho deciso di tornare a casa. Nonostante un’educazione di carattere prettamente scientifico, la passione per la scrittura ha preso presto il sopravvento e ho cominciato a raccontare con costanza il mondo della creatività, dall’arte contemporanea al teatro, dall’editoria all’arte di strada. Ho fatto del racconto del talento altrui la mia più grande missione.

Storie sotto la Mole
Poche città posseggono un patrimonio di storie e leggende quanto Torino. Ho ideato questa rubrica per dare spazio ai numerosi miti nati all’ombra della Mole: dall’origine dei dolci più prelibati, agli angoli nascosti della città fino ai numerosi fantasmi che ne occupano vie e palazzi. In questo spazio racconto a modo mio le storie più note, quelle meno note e anche alcune di mia completa invenzione.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium