Leggi tutte le notizie di BACKSTAGE ›

Cronaca | 26 novembre 2021, 21:09

Emilio Scalzo sarà processato in Francia, presidio a Bussoleno dei No Tav

L’attivista era stato arrestato dai carabinieri, in esecuzione di un mandato di cattura internazionale per fatti avvenuti al confine francese

Emilio Scalzo

Emilio Scalzo sarà processato in Francia, presidio a Bussoleno dei No Tav


Emilio Scalzo, lo storico attivista No Tav arrestato lo scorso 15 settembre dai carabinieri, in esecuzione di un mandato di cattura internazionale per dei fatti avvenuti al confine francese durante una manifestazione No Border, sarà processato dai giudici transalpini.

La Corte di Cassazione ha, infatti, respinto il ricorso avanzato dagli avvocati di Scalzo, scatenando la protesta del movimento che si oppone alla realizzazione della Torino-Lione.

La rabbia dei No Tav

Un attacco grave alla solidarietà che non lasceremo passare in osservato - scrivono i No Tav - da questa sera il presidio sotto casa si Emilio, a Bussoleno, diventa permanente. Questo è l’ennesimo atto repressivo nei confronti di chi, come Emilio, con grande generosità ha difeso i diritti dei migranti che ogni giorno tentano il passo del Monginevro per scappare da conflitti e miseria. Inaccettabile che tutto questo avvenga in un contesto di guerre, pandemia e con l’inverno gelato che avanza e che sta già facendo diverse vittime lungo il percorso”.

Marco Panzarella

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium