/ Attualità

Attualità | 19 gennaio 2022, 19:10

Pian del Lot, a che punto è il progetto per il percorso collinare?

La proposta di un collegamento tra il Sacrario e le batterie antiaeree era partita a settembre 2020. Foietta: “Contatteremo l’ufficio Urbanistica”. Anpi: “Auspichiamo si risolva, sarebbe un bel regalo per il 25 aprile”

In foto il Sacrario di Pian del Lot

In foto il Sacrario di Pian del Lot

Al momento sembra tutto fermo per il progetto su Pian del Lot. La Circoscrizione nell’ultimo Consiglio ha approvato una mozione con cui è tornata a seguire da vicino il progetto per realizzare un percorso turistico collinare tra il Sacrario di Pian del Lot e le batterie tedesche antiaeree che distano circa 150 metri dal monumento in memoria delle vittime dell’eccidio nazista. Due luoghi simbolo della Seconda Guerra Mondiale e della Resistenza che sarebbero così collegati da un unico fil rouge. Un percorso adatto ai turisti, ma anche e soprattutto alle scuole.  

La proposta era partita a settembre 2020 quando il privato che aveva acquistato il terreno dalla regione, si era detto disponibile a creare questo percorso e a occuparsi della manutenzione. 

“Non sembrava ci fossero problemi, poi però la questione ha subito uno stop. Ad oggi il sentiero non c’è, il prato ha l’erba alta, in più senza un’adeguata pannellistica non ci va nessuno” spiega il coordinatore Enrico Foietta che proprio ieri ha incontrato l’associazione Pro Natura, con si vorrebbe collaborare proprio per la realizzazione dei percorsi pedonali. “Ora contatteremo l’Urbanistica per capire come procedere e dove la pratica si è fermata”. 

“L’idea rientra in un piano più generale con Anpi, con il Museo Diffuso della Resistenza, per collegare sentieri della collina insieme alla parte culturale - conclude Foietta - Potrebbe diventare un modello esportabile a tutti i percorsi collinari”. 

“Inizialmente volevamo dedicare l’area alle alle vittime del Covid e chiedevamo una sistemazione del parco del Pian del Lot - spiega Augusto Montaruli dell’Anpi - Nicola Grosa -Abbiamo poi saputo della vendita al privato il quale durante la riunione aveva dato piena disponibilità. C’è stato poi il silenzio più assoluto. Auspichiamo che la cosa si risolva e sarebbe un bel regalo per celebrare il 25 aprile di quest’anno”. 

Chiara Gallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium