/ Cronaca

Cronaca | 19 gennaio 2022, 16:00

Morte Fatima: per inquirenti e Procura in via Milano non fu un “gioco finito male”

Nelle ultime ore sono state ascoltate una dozzina di persone, fra cui la mamma della piccola e i tre uomini che erano in casa con il compagno della donna

fiori per fatima

Morte Fatima: per inquirenti e Procura in via Milano non fu un “gioco finito male”

Quello di Azhar Mohssine non è stato “un gioco finito male", ma un comportamento altamente rischioso in grado di cagionare anche un incidente grave, come purtroppo é accaduto. Ne sono convinti gli inquirenti che indagano sulla morte di Fatima Skika, la bimba di 3 anni precipitata dal quinto piano di un edificio di via Milano, a pochi passi dal mercato di Porta Palazzo.

Ascoltate una dozzina di persone

Nelle ultime ore sono state ascoltate una dozzina di persone, fra cui la mamma della piccola, Lucia Chinelli, e i tre uomini che giovedì sera erano in casa con Mohssine, il 32enne compagno della donna fermato il giorno dopo con l’accusa di omicidio volontario con dolo eventuale.

Condotta molto imprudente

Il gip Agostino Pasquariello aveva convalidato il fermo, riqualificando però il reato in omicidio colposo. Un cambio di direzione che non convince gli uomini della Squadra mobile guidata da Luigi Mitola e il pubblico ministero Valentina Sellaroli, secondo i quali il “gioco” di Azhar di lanciare per aria la bimba, dopo avere assunto droga e alcol, in un balcone largo meno di ottanta centimetri, è da considerarsi una condotta imprudente che poteva provocare la morte della bimba, come in effetti é stato.

L'esito dell'autopsia

Ad avvalorare le ipotesi investigative anche il risultato dell’autopsia eseguita ieri dal medico legale Roberto Testi, secondo cui la bimba non è caduta verticalmente, ma avrebbe effettuato una parabola, con il corpo che è stato ritrovato dai soccorritori al centro del cortile.

Marco Panzarella

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium