/ Cronaca

Cronaca | 20 gennaio 2022, 11:20

Un basco blu per riconoscersi in piazza: da Torino nasce l'arruolamento per l'Esercito popolare no vax

L'iniziativa sta cercando di raccogliere adesioni via Internet: il promotore è un torinese, già noto alla Digos. "Ma non vogliamo armarci, non siamo pazzi"

Persone rese irriconoscibili

Manifestazione No Vax dei mesi scorsi

Un basco blu, "per distinguerci dal pecorume e farci vedere, ma senza prendere multe". Sale di livello l'antagonismo ai vaccini, almeno sul territorio torinese. Tanto da arrivare alla creazione di quello che è stato definito "Esercito popolare italiano per combattere la dittatura".

Sono le parole che - attraverso Internet - arrivano dalla sempre più variegata galassia dei No Vax. In particolare, il promotore è un torinese il cui profilo già noto alla Digos, che ha scelto proprio la Rete per raccogliere adesioni. Proprio nei giorni in cui - è notizia di ieri - si è superata la soglia del 90% delle somministrazioni tra le fasce che possono ricevere il vaccino.

L'obiettivo - oltre a riconoscersi con un segno distintivo come il basco blu in occasione delle manifestazioni di piazza - è di estendersi anche in altre regioni. Ma - si rassicura - "non sarà un organismo bellico. Non siamo pazzi, non è che possiamo armarci". Ma l'invito è comunque esteso anche a quei rappresentanti delle forze dell'ordine che, per la loro opposizione al vaccino, sono stati sospesi dalla loro attività.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium