/ Eventi

Eventi | 24 marzo 2022, 15:22

Conoscere il Parkinson con una mostra ‘parlante’ e diffusa nel Pinerolese

Sabato inaugura ‘Non Chiamatemi Morbo’ a Pinerolo, Villar Perosa e Torre Pellice

Conoscere il Parkinson con una mostra ‘parlante’ e diffusa nel Pinerolese

La mostra fotografica ‘Non Chiamatemi Morbo – Storie di resistenza al Parkinson’ arriva nel Pinerolese, distribuendosi tra Torre Pellice, Pinerolo e Villar Perosa dal 26 marzo al 12 aprile. Ad accompagnare le immagini le voci di Claudio Bisio e Lella Costa raccontano le storie dei loro protagonisti con leggerezza e ironia, ma anche profonda sincerità.

Il Parkinson è il secondo disordine neurodegenerativo, in termini di frequenza, dopo l’Alzheimer: si stima che in Italia colpisca circa 230mila persone e quasi 6 milioni in tutto il mondo. La mostra fotografica parlante si prefigge di informare e sradicare gli stereotipi sulla malattia attraverso il peculiare approccio di affiancare alle foto il racconto delle storie di chi è raffigurato attraverso il punto di vista ironico della malattia stessa.

‘Non Chiamatemi Morbo – Storie di resistenza al Parkinson’ nasce nel settembre 2020, con la prima esposizione al Teatro Piccolo di Milano. Da allora ha toccato più di dieci comuni in tutta Italia, e in questa tappa, l’edizione più ricca di immagini finora, diventerà mostra diffusa: il corpo centrale della mostra è nella Galleria Scroppo di Torre Pellice, in via Roberto d’Azeglio 10; Pinerolo, nella Sala Società Operaia Mutuo Soccorso di via Silvio Pellico 19, ospita invece una sezione dedicata ai caregiver; Una Finestra sulle Valli di Villar Perosa, in viale Galileo Ferraris 2, è invece sede di una sezione inedita interamente dedicata a un unico protagonista, Riccardo Merisio. Inoltre, nel periodo della mostra, il Cinema delle Valli di Villar Perosa proietterà, all'inizio dei film in programmazione, alcuni cortometraggi, prodotti dalla Confederazione Parkinson Italia, ispirati ai racconti delle fotografie esposte nelle tre sedi. In occasione della Giornata Mondiale del Parkinson, l’11 aprile, il cinema proietterà inoltre il film ‘Amore e altri rimedi’ di Edward Zwick, una commedia drammatica volta ad abbattere gli stereotipi sulle persone malate di Parkinson e sulla loro socialità con toni leggeri ma incisivi.

Tutte le fotografie della mostra sono di Giovanni Diffidenti, foto-giornalista di Bergamo che con il suo lavoro ha documentato la quotidianità di chi lotta contro la malattia. Ogni immagine è corredata da un QR code: inquadrandolo tramite l’applicazione gratuita ‘NonChiamatemiMorbo Audio-Guida’ realizzata per la mostra partirà il racconto di ‘Mr. e Mrs. Parkinson’, una narrazione dal punto di vista della malattia, interpretata da Lella Costa e Claudio Bisio, che guida il visitatore alla scoperta della vita dei protagonisti degli scatti. Per accedere a tutti i contenuti della mostra sarà dunque necessario dotarsi di smartphone, scaricare l’applicazione per android o apple e utilizzare gli auricolari per sentire i racconti.

Ideata e voluta dalla Confederazione Parkinson Italia, la mostra è promossa localmente da Diaconia Valdese Valli, Itremolini, l’Associazione Italiana Giovani Parkinsoniani, Asl To3, Ciss di Pinerolo, Unione Montana dei Comuni delle Valli Chisone e Germanasca e Cooperativa Valdocco, con il patrocinio di Regione, Città Metropolitana di Torino, Città di Pinerolo, Comune di Torre Pellice e Comune di Villar Perosa e in collaborazione con Associazione Italiana Parkinsoniani, Scienza Senza Confini, Cgil-Spi Torino, Fnp-Cisl Pensionati Torino e Uil Pensionati Torino.

“Per noi era importante coinvolgere tutto il nostro territorio, e per questo ci siamo lanciati nella sfida della mostra diffusa” spiega Monica Onnis della Diaconia valdese. “Da tempo ci stiamo concentrando e stiamo imparando molto sul Parkinson, e la mostra rappresenta la prima manifestazione della collaborazione nata fra la Diaconia valdese valli, Itremolini (gruppo di Pinerolo, Val Chisone e Val Pellice di sensibilizzazione sulla patologia, ndr) e l’Associazione Italiana Giovani Parkinsoniani. Spero fortemente nella risposta di pubblico e visitatori, la mostra è non solo molto toccante e innovativa, ma anche un’occasione di informarsi e conoscere di più una malattia tanto nota quanto poco conosciuta”.

L’inaugurazione della mostra fotografica parlante avverrà, in contemporanea nelle tre sedi, sabato 26 marzo alle 11,45. Per l’ingresso, gratuito, alle tre esposizioni è necessario essere dotati di Green Pass rafforzato e indossare la mascherina di tipo Ffp2. Di seguito gli orari nelle tre sedi.

Pinerolo: venerdì dalle 10,30 alle 12.30 e dalle 14 alle 18; sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18; lunedì 11 aprile dalle 14,30 alle 17.

Torre Pellice: dal martedì al giovedì dalle 15,30 alle 18; venerdì dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 14 alle 18; sabato e domenica dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 14 alle 18.

Villar Perosa: venerdì dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 14 alle 18; sabato e domenica dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 14 alle 18.

Rosa Mosso

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium