/ Attualità

Attualità | 05 maggio 2022, 10:40

Associazioni e oratori contro il progetto di riqualificazione di corso Marconi: "Penalizza i pedoni"

Oltre alla Consulta, anche altre realtà di San Salvario dicono no alle ciclabili monodirezionali a centro strada

corso marconi

Associazioni e oratori contro progetto di riqualificazione di corso Marconi: "Penalizzati i pedoni"

Dopo la Consulta per la Mobilità Ciclistica, altre associazioni e realtà di San Salvario si mobilitano per chiedere alla giunta Lo Russo di rivedere l'attuale progetto di riqualificazione di corso Marconi che "penalizza" troppo i pedoni.

A giugno al via il cantiere 

A giugno il Comune darà il via al cantiere per la trasformazione dell’asse che collega il parco del Valentino con via Nizza. Gli interventi interesseranno solo la parte compresa tra corso Massimo d’Azeglio e via Madama Cristina. In questo tratto, la sezione centrale di corso Marconi risulta già completamente chiusa al traffico da quasi due anni e viene usata come area di gioco e di attività da bambini e ragazzi. 

Due piste ciclabili nel centro del corso 

Il progetto esecutivo della Città, modificato a gennaio 2022 dalla nuova amministrazione Lo Russo, prevede però l’inserimento qui di due ciclabili monodirezionali delimitati da siepi, con il conseguente spostamento delle panchine verso il centro del viale. Una proposta che trova contrari oltre alla Consulta, anche le associazioni "Manzoni People", "Donne per la Difesa della Società Civile", NADI e ASAI, Don Claudio Durando e Don Gianmarco Pernice per gli Oratori San Luigi e SS Pietro e Paolo ed il Comitato Popolare San Salvario

Spazio per pedoni ridotto

Realtà che hanno scritto agli assessori alla Mobilità Chiara Foglietta e al Verde Francesco Tresso per esprimere il proprio no. Con la nuova riqualificazione le sedute sarebbero "esposte sempre al sole e non utilizzabili nei mesi estivi". Le piste per bici al centro del corso "oltre a creare barriere fisiche e visive", ridurrebbero lo spazio "per i pedoni" rendendolo simile per "dimensioni ad un corridoio". 

"A rischio sicurezza dei bambini" 

"Questa modifica - aggiungono - pone in questione la sicurezza per bambini e 

bambine che verrebbe compromessa dalla presenza una pista per la ciclabilità veloce sul lato scuola del viale centrale". Richieste che verranno esposte direttamente alla Foglietta il prossimo 10 maggio, che ha convocato le associazioni e i comitati.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium