Eventi | 23 maggio 2022, 14:25

I Lions al SalTo22: “Siamo presenti per far vedere che siamo a disposizione di chi ha bisogno” [VIDEO]

Il Club da anni presenta le sue attività alla kermesse del libro: dalla lotta alla povertà alla cura del diabete

I Lions al SalTo22: “Siamo presenti per far vedere che siamo a disposizione di chi ha bisogno” [VIDEO]

Il Lions Club da anni presenta le sue attività alla kermesse del libro: dalla lotta alla povertà alla cura del diabete.

Perché Lions perché e perché al salone del libro? “La traduzione dell’acronimo può essere riassunto in dove c’è bisogno c’è un lions - spiega Gerolamo Farrauto, Governatore Lions Distretto 108 IA1 - abbiamo scelto il SalTo dove siamo presenti da più anni per dire alla gente che cosa facciamo, come lo facciamo e precisare che siamo disponibili ad ascoltare chiunque per ampliare più ambiti di intervento”. 

“Abbiamo scelto di essere al Salone del Libro - aggiunge Giuseppe Bottino, Past President - per dire che siamo in mezzo ala gente, ad ascoltare i problemi e a cercare di risolverli. Andiamo trovato le soluzioni migliori a risolvere problemi importanti. In questi giorni abbiamo avuto la fortuna di avere tanti giovani cui abbiamo presentato tante attività, così come tante famiglie. E’ un evento che ci dà sempre grande soddisfazione durante il quale facciamo vedere che siamo a disposizione della gente. Per qualunque problema, da quello sociale a quello etico, facciamo vedere che c’è dietro un gruppo di persone che volontariamente se ne occupa”. 

Chiara Gallo

Leggi tutte le notizie di E POE...SIA! ›

Johanna Finocchiaro

Buongiorno, Good morning, Bonjour, Buenos Días, Namasté!
Sono Johanna. Classe 1990, nata a Torino, impiegata, appassionata di lingue straniere e poetessa. Già, poetessa.
Scrivo sin dalla tenera età (mi sono innamorata della poesia dal primo incontro, alle elementari) e leggo, leggo tanto, sempre e ovunque. La mia massima fonte d'ispirazione è l'arte: mi conquista la sua immediatezza, la forza comunicativa, la varietà di forme e concetti espressi, la chiarezza.
Viaggiando, ho compreso quanto il mondo sia dinamico. Mi ci sono adattata, pian piano, stravolgendo piani e idee. Oggi lavoro per un importante istituto bancario ma continuo a essere curiosa. E gioiosa. Faccio parte della corrente letteraria dei Poeti Emozionali e ho, all'attivo, la pubblicazione di tre libri: una silloge corale, un e-book e l'ultimo arrivato, “Clic” (L’Erudita Editore).

E POE...SIA!
Questa rubrica nasce sotto una buona stella o così mi piace pensare; si propone, con determinazione, di avvicinare il lettore a un genere letterario incompreso ma testardo: la poesia.
Perché no!? Perché non recuperarla dal cassetto, vestirla con abiti nuovi, freschi, darle una possibilità? La possibilità di emozionarci, semplicemente questo: riflettere, sentire qualcosa, qualsiasi cosa, con e grazie a Lei.
Allontaniamoci dall'impostazione scolastica e dall'analisi del testo, lasciando spazio, invece, all'analisi del SENSO. Senso che sta per ragione e sensazione insieme. Impariamo a cercare la curiosità, prima delle domande. Accendiamo il pensiero. Che dite, ci lanciamo nel viaggio? Al paracadute provvedo io! 

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium