/ Politica

Politica | 20 giugno 2022, 11:43

Siccità, i Verdi attaccano l'assessore regionale Marnati: "Da mesi denunciamo una situazione anomala"

"La lotta al cambiamento climatico rappresenta una priorità che deve coinvolgere la politica, la scienza e la società civile"

Siccità, i Verdi attaccano l'assessore regionale Marnati: "Da mesi denunciamo una situazione anomala"

"Matteo Marnati cosa stai facendo? Una politica ambientale inefficace e i risultati sono sotto gli occhi di tutti! Apprendiamo che l’assessore regionale all’ambiente è stato nominato dal Presidente Alberto Cirio come coordinatore delle iniziative correlate alla carenza idrica, in Regione Piemonte. Marnati dice che verranno messe in campo tutte le iniziative possibili per contrastare la crisi idrica e salvare il comparto agricolo in questo momento particolarmente delicato per le coltivazioni", attaccano gli esponenti dei Verdi Europa Verde.

"Caro Marnati è da mesi che noi Verdi denunciano questa situazione idrica anomala, già nel mese di gennaio evidenziavamo con preoccupazione i dati illustrati dal direttore dell’Arpa secondo cui il mese di gennaio era stato il quarto gennaio più secco degli ultimi sessantacinque anni ed il secondo più caldo, con un’anomalia di temperatura compresa fra +1 e +3 C° rispetto al clima del periodo 1991-2020. A febbraio una delegazione di Europa Verde - Verdi del Piemonte aveva presenziato al Consiglio Regionale aperto a Palazzo Lascaris insieme agli attivisti, alle associazioni ambientaliste piemontesi e denunciavamo, già allora, che la quantità di neve sulle nostre montagne era anomala perché era quella che avrebbe dovuto esserci a luglio e agosto", proseguono i Verdi. "E nei mesi successivi avevamo evidenziato il grave abbassamento del livello del lago di Ceresole, il crollo di alcuni seracchi sul versante svizzero del Grand Combin, i fiumi Po, Tanaro e Stura di Demonte in uno stato di siccità severa". 

Una settimana fa in occasione della Giornata mondiale dell'Ambiente noi Verdi del Piemonte abbiamo anche scritto una lettera agli assessori all'Ambiente delle 8 province, in Regione e in Città metropolitana. Le parole dei Co-portavoce regionali di Europa Verde Mariella Grisà e Mauro Trombin: “Siamo stanchi di non essere ascoltati! Dobbiamo assumere il contrasto al cambiamento climatico, e più in generale la sostenibilità ambientale, tra i principali obiettivi nella strategia di crescita collettiva per questo occorre un impegno costante nelle politiche ambientali. Sosteniamo che la battaglia contro il riscaldamento globale passa dalle energie rinnovabili, dobbiamo incentivare e supportare i cittadini, gli imprenditori, i professionisti e le istituzioni nel percorso di transizione energetica del Paese per raggiungere gli obiettivi entro il 2030 e 2050".

Perfino l’Autorità distrettuale del Fiume Po del Ministero della transizione ecologica ha istituito un Osservatorio permanente sulle crisi idriche e ha denunciato già da parecchi mesi la gravità della situazione, le piogge sono cadute in modo scarso e disomogeneo, e le temperature medie hanno confermato un trend in aumento di 3 gradi centigradi, che ha caratterizzato questo inverno come il secondo più caldo degli ultimi 40 anni. "E oggi apprendiamo che per l’assessore regionale piemontese all’Ambiente, Matteo Marnati, i prossimi 15 giorni saranno quelli cruciali per salvare le colture", proseguono gli esponenti dei Verdi. 

"Oggi ci troviamo in un disastro ambientale e climatico di grandi dimensioni che abbiamo denunciato da parecchi mesi. Ci domandiamo cosa sia stato fatto per evitare questo disastro ambientale, quali siano state le politiche ambientali portate avanti dall’assessore Marnati? Ci rivolgiamo a tutti i piemontesi per un appello: “Dobbiamo capire che occorre un’inversione di marcia della politica i nostri amministratori devono prendere coscienza della crisi climatica in atto perché questi eventi non sono più estremi, ma riflettono un trend di continuità preoccupante, occorre che chi ci amministra sia in grado di prevedere e gestire queste situazioni, non possiamo permetterci di pagarne tutti le conseguenze!”, conclude la nota dei Verdi.

"La lotta al cambiamento climatico rappresenta, per noi di Europa Verde, una priorità che deve coinvolgere la politica, la scienza e la società civile. I fenomeni meteorologici estremi, sempre più frequenti devono metterci in allarme e farci agire subito".

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium