/ Attualità

Attualità | 05 agosto 2022, 15:40

Estate in Crocetta, le aree verdi sono una chimera: tra giochi rotti e degrado, residenti esasperati

In Largo Re Umberto recinzioni e giochi rotti, alla Clessidra presa di mira da disperati e cani senza guinzaglio ovunque

Estate in Crocetta, le aree verdi sono una chimera: tra giochi rotti e degrado, residenti esasperati

Non è un'estate facile per i residenti della Crocetta costretti a rimanere a Torino. Anche in uno dei quartieri “chic” della città infatti, i problemi non mancano. Anzi. A dispetto dei tanti alberi presenti, sono infatti poche le aree verdi a disposizione dei cittadini e quelle sparse sul territorio sono pressoché inutilizzabili.

Basta infatti transitare nell'area verde di Largo Re Umberto, nel giardino Silvio Geuna, per ritrovarsi in una zona transennata. “Lavori in corso” recita un cartello appoggiato a una transenna. I giochi per i bimbi o sono inutilizzabili o sono letteralmente spariti, ma non vi è presenza di lavori che lascino intendere che la situazione possa migliorare nell’immediato.

I residenti non possono nemmeno spostarsi nella vicina “Clessidra”, che sebbene sia stata recentemente riqualificata presenta due problemi: la presenza di sbandati, che di notte dormono nei giardini e che lasciano le loro cose ovunque e i cani senza guinzaglio che scorrazzano nel stessi spazi che andrebbero utilizzati dai bambini.

Da qui l'esasperazione dei residenti: “Sono stupito che un'amministrazione che si presentava alle elezioni come portatrice di cambiamento per la città sia talmente inefficace ed inefficiente per non riuscire neppure a garantire il decoro e la frequentazione di 2 aree verdi nel centro città, in una zona nella quale sono presenti ben tre scuole e un ospedale”, afferma Andrea.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium