Cultura e spettacoli | 16 agosto 2022, 17:00

Curiosità di Torino, il "palazzo con il piercing" di piazza Corpus Domini

A 2 passi da Palazzo Civico si trova l'opera di arte contemporanea “Baci urbani”, realizzata nel 1996 dall'architetto-artista Claudio Levi e dal collettivo Cliostraat

Curiosità di Torino, il "palazzo con il piercing" di piazza Corpus Domini

Curiosità di Torino, il "palazzo con il piercing" di piazza Corpus Domini

Passeggiando con il naso all'insù in piazza Corpus Domini a Torino, verso Palazzo Civico, in pieno centro storico nel cuore del Quadrilatero Romano è possibile notare un palazzo “bucato” (sulla sinistra, nell'angolo all'altezza del 4° piano, ndr) da un enorme piercing di metallo.

Si tratta di “Baci urbani”, opera d'arte contemporanea realizzata nel 1996 dall'architetto-artista Claudio Levi e dal collettivo Cliostraat in occasione della Biennale Giovani di Torino.

Il significato di “Baci urbani”

L'installazione, che secondo i programmi iniziali doveva essere temporanea, simboleggia l'incontro tra le 2 anime della città, quella nobile e quella popolare: la prima rappresentata da gocce di sangue blu realizzate sul lato che dà verso il centro, la seconda rappresentata da gocce di sangue rosso realizzate sul lato verso Porta Palazzo. “Baci urbani” è una delle tante curiosità da scoprire per chi è alla ricerca di una Torino diversa.

Marco Berton

Leggi tutte le notizie di STORIE SOTTO LA MOLE ›

Rossana Rotolo

Nata e vissuta a Torino, mi sono allontanata per qualche anno ma, dopo due brevi parentesi a Berlino prima e in Trentino poi, ho deciso di tornare a casa. Nonostante un’educazione di carattere prettamente scientifico, la passione per la scrittura ha preso presto il sopravvento e ho cominciato a raccontare con costanza il mondo della creatività, dall’arte contemporanea al teatro, dall’editoria all’arte di strada. Ho fatto del racconto del talento altrui la mia più grande missione.

Storie sotto la Mole
Poche città posseggono un patrimonio di storie e leggende quanto Torino. Ho ideato questa rubrica per dare spazio ai numerosi miti nati all’ombra della Mole: dall’origine dei dolci più prelibati, agli angoli nascosti della città fino ai numerosi fantasmi che ne occupano vie e palazzi. In questo spazio racconto a modo mio le storie più note, quelle meno note e anche alcune di mia completa invenzione.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium