/ Eventi

Eventi | 30 settembre 2022, 07:00

Un tuffo sott'acqua, tra hockey e tiro a segno, per far respirare lo sport in mezzo alla crisi delle bollette

Open day gratuito sabato 1° ottobre alla Piscina Monumentale per la Fipsas: apnea, immersione con le bombole o nuoto pinnato. Carretta: "Non ci sono discipline di serie B"

piscina monumentale

Un tuffo sott'acqua, tra hockey e tiro a segno, per far respirare lo sport

Un open day per osservare il mondo da sotto il pelo dell'acqua. Succede questo sabato, 1° ottobre, dalle 10 alle 12.30, presso la piscina monumentale di corso Galileo Ferraris.

A disposizione di giovani, meno giovani, curiosi e appassionati ci saranno discipline come l'immersione con le bombole, apnea e nuoto pinnato. Addirittura l'hockey o il tiro a segno. A fare da regia, la sezione provinciale della Fipsas. "È il secondo anno che ci impegnamo in questa iniziativa - dice il presidente Giovanni Maffiotto - e per il 2022 abbiamo avuto il tempo per organizzare un momento importante, su quattro corsie di spazio".

"Ci sono discipline che per troppo tempo hanno subito le etichette di serie b - dice Domenico Carretta, assessore comunale allo Sport -, ma come amministrazione vogliamo impegnarci per rilanciare attività che sono fondamentali. Soprattutto in strutture come le piscine che sono tra le più esposte ai rincari e alle bollette".

Il tema dei rincari: "Tenere duro per garantire la coesione sociale"

"Torino si fa carico di pagare le utenze in gran parte delle strutture, come le piscine e questo pesa anche sulle casse comunali - aggiunge Carretta -. Siamo passati da 15 a 40 milioni, non solo per le strutture sportive, ma bisogna cercare di garantire la tenuta sociale dopo anni di crisi e due anni di lockdown. Bisogna nuotare nella stessa direzione e per il momento abbiamo cercato di scongiurare il ritocco delle tariffe verso l'alto. Con aumenti del 200% lasceremo fuori tutte quelle famiglie che non possono permettersi l'iscrizione. Ci sono cali anche in altre discipline, a partire dal calcio".

"Dobbiamo guardare al domani con fiducia, mettendo in campo ogni tipo di sforzo. Serve uno sforzo perché siamo in una condizione fuori da ogni normalità, come purtroppo è  la guerra".

Provare per credere (e appassionarsi)

"Solo provando si possono apprezzare le emozioni di queste attività sportive - aggiunge Roberto Desole, consigliere della Didattica subacquea - anche in un'ottica di responsabilità ambientali".

"C'è passione nella pratica, ma anche nel trasmettere e far conoscere questo sport - aggiunge Giuseppe Lo Presti, rappresentante provinciale -. Rispetto allo scorso anno non c'è  a disposizione la piscina Colletta e ci siamo voluti concentrare su un impianto storico cittadino".

Sarà sufficiente presentarsi in vasca con cuffia e costume: istruttori esperti li accompagneranno per provare l'attrezzatura (messa a disposizione gratuitamente dalle società) per la durata di tempo concessa dall'affluenza. "Se avremo successo, ci piacerebbe farlo diventare un appuntamento annuale distribuito su più impianti".

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium