/ Pinerolese

Pinerolese | 15 novembre 2022, 12:15

Sciopero alla Raspini di Scalenghe: “Un aumento per fronteggiare il carovita”

Protesta degli addetti alla logistica e al disosso con il Si Cobas. La nota dell'azienda sull'astensione dal lavoro

Sciopero davanti alla Raspini

Sciopero davanti alla Raspini

Da stamattina alle 6 sono di fronte ai cancelli della Raspini di Scalenghe per chiedere un aumento salariale di 150 euro mensili, sotto forma di premio, e la stabilizzazione dei contratti a termine. A protestare sono i lavoratori dei settori logistica e disosso che fanno capo alla srl Professional Solutions di Adecco.

“Le trattative si sono aperte a settembre, ma non abbiamo trovato un’intesa – spiega Mahmoud Aboutabikh esponente di Si Cobas –. L’azienda ci ha proposto un premio massimo di 100 euro a fronte di un aumento di produttività irraggiungibile. Noi chiediamo un aumento sotto forma di premio legato alle presenze, che permetta di far fronte al carovita”. Un altro tema sul tavolo è la stabilizzazione dei precari.

“Attendiamo risposte da Professional Solutions, se non arriveranno, valuteremo come proseguire la protesta” avverte Aboutabikh.

Raspini S.p.A. intende precisare che i lavoratori oggi in sciopero presso lo stabilimento di Scalenghe non sono suoi dipendenti ma lavoratori della società Professional Solutions e che, come comunicato da quest’ultima, l’adesione allo sciopero è inferiore al 50% dei dipendenti operanti sul sito e interessa esclusivamente gli aderenti al sindacato Si Cobas.  
Raspini comunica infine che tutte le attività, all’interno dello stabilimento, si stanno svolgendo regolarmente.

Marco Bertello

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium