Attualità | 28 novembre 2022, 17:10

Operai, anarchici e politici uccisi dai fascisti. A 100 anni la Città ricorda la "Strage di Torino" (VIDEO)

Tra il 18 ed il 20 dicembre 1922 violenze contro gli oppositori del regime: assalti ai giornali e alla Camera del Lavoro

tram ricorda strage 18 dicembre

Operai, anarchici e politici uccisi dai fascisti. La Città ricorda la "Strage di Torino"

A 100 anni, la Città ricorda la "Strage di Torino", che avvenne tra il 18 e il 20 dicembre 1922. Squadre fasciste misero in atto violenze contro gli oppositori del regime, in particolare nei quartieri operai: vennero uccise undici persone, tra cui il consigliere comunale Carlo Berruti e una trentina di altre rimasero ferite.

Vennero dati alle fiamme circoli operai, devastata la sede del giornale L'Ordine Nuovo e ci fu l'assalto alla Camera del Lavoro, ricordato con una targa davanti alla vecchia stazione di Porta Susa. 

Lo Russo: "Ricordare per evitare oblio" 

"Ricordarli ancora oggi - ha sottolineato il sindaco Stefano Lo Russo - non è solo è un dovere verso quei caduti innocenti, nostri concittadini, ma serve per impedire quello che di peggio può avvenire per la storia: l'oblio".

"Esistono - ha aggiunto - diritti inalienabili come quelli umani, per i quali dobbiamo sempre batterci".

"Vennero assaltati - ha sottolineato il vicepresidente del Consiglio Regionale Daniele Valle - i circoli ed i giornali: tutte le voci libere che potevano opporsi alla dittatura. La Strage di Torino è uno degli eventi più significativi della catena di violenza che portarono al governo Mussolini"

Opera d'arte davanti a Porta Susa 

Tra gli eventi più importanti in calendario l'inaugurazione il 18 dicembre, davanti alla stazione della metro omonima, dell'opera "100" realizzata dagli studenti dell'Accademia Albertina in collaborazione con Gtt e Infra.To. Sempre davanti all'ex Porta Susa, accanto alla targa che ricorda le vittime, la Circoscrizione 1 ha fatto mettere un pannello con qr code per raccontare cosa è capitato. Un video ed uno spot audio racconteranno poi a chi viaggia su bus, tram e metro cosa accadde il 18 dicembre 1922. 

Tour storici

Ma le iniziative sono moltissime. Il 2 dicembre alle 18.30 nella libreria Belgravia verrà presentato il libro "Strage a Torino - Per non dimenticare". Previsti poi diversi tour. Sabato 10 dicembre al Monumentale verrà raccontata la storie di alcune lapidi, tra cui quella dell' anarchico ed operaio Pietro Ferrero che a 27 anni divenne segretario della Fiom torinese.

L'11 dicembre, con partenza alle 10 da Porta Nuova, in un tram storico si potrà ascoltare le vicende dei giorni della strage. Il clou degli eventi sarà nel weekend del centenario della Strage: il 17 dicembre alle 15 nei Giardini del Mastio della Cittadella ci sarà il concerto "Non dimenticare mai!", mentre il giorno successivo alle 10.45 ci sarà la tradizionale cerimonia di commemorazione all'angolo con via Cernaia.

Lo stesso giorno il Comune di Cunico, nell'astigiano, organizza un evento per ricordare il concittadino Leone Mazzola, vittima anche lui della strage squadrista del 18 dicembre.

Cinzia Gatti

Leggi tutte le notizie di NUOVE NOTE ›

Federica Monello

Giornalista pubblicista, ascoltatrice vorace di musica, amante di tutto ciò che è cultura. Nasco e cresco in Sicilia dove da studentessa di Lettere Moderne muovo i primi passi nel giornalismo, dopo poco unisco la scrittura alla passione per la musica. Giungo ai piedi delle Alpi per diventare dottoressa in Comunicazione e Culture dei media e raccontare di storie di musica, versi, suoni e passioni.

Nuove Note
Nuove Note è la rubrica che ogni settimana ti fa conoscere un nuovo progetto musicale emergente nato tra la Mole Antonelliana e un pentagramma, tra i boschi piemontesi e una sala prove casalinga, tra uno studio di registrazione e i chilometri che lo separano da un paesino in provincia. Nuove Note ti racconta le storie e la musica gli artisti più interessanti della scena musicale piemontese.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium