/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 01 marzo 2023, 18:36

Saldi al traguardo, ma a Torino i segnali sono contrastanti: Confesercenti vede un calo del 10-15%

Colpito soprattutto l'abbigliamento. Ma Ascom Confcommercio è meno pessimista: "Rileviamo soddisfazione, con crescite anche del 5%"

saldi 2023

Saldi al traguardo, a Torino i segnali sono contrastanti

Saldi contrastati, a Torino e provincia. Domani si arriva al traguardo delle vendite promozionali, ma le rilevazioni sono anche piuttosto differenti nelle loro letture.

Bilancio amaro per Confesercenti: calo tra 10 e 15%

Per Confesercenti, per esempio, il bilancio è piuttosto amaro, con un calo dal 10 al 15% (se si ragiona di periferia). Colpa di inflazione e crisi economica, che hanno penalizzato soprattutto l'abbigliamento e, in modo minore, la calzature. 

“È stata – dice Micaela Caudana, presidente di Fismo-Confesercenti, l’associazione dei commercianti abbigliamento e calzature – una delle stagioni peggiori degli ultimi anni: subito dopo la pandemia avevamo riscontrato una ripresa, ma ora siamo tornati alla calma piatta. Ma le difficoltà – precisa – non sono limitate ai saldi. Purtroppo, è almeno dall’autunno scorso che le vendite vanno a rilento, comprese quelle del periodo natalizio: negli ultimi tre mesi del 2023 sono diminuite di almeno il 10%. Molti di noi hanno retto alle difficoltà soltanto perché non hanno mai cessato di praticare sconti dal periodo del black friday in poi, ma ciò ha drasticamente ridotto i nostri guadagni. D’altra parte, solo così abbiamo potuto far fronte alle spese di gestione e ai pagamenti dei fornitori. Questa flessione prolungata della spesa è un fenomeno soltanto torinese: i colleghi di altre città, Milano prima di tutto, mi raccontano di risultati ben più soddisfacenti dei nostri”.

Preoccupazioni anche per il prossimo autunno-inverno

La riduzione delle vendite (compreso il “polmone finanziario” tradizionalmente rappresentato dai saldi) e dei margini comporta per le imprese minore liquidità da destinare agli acquisti futuri. “Molti esercenti – confermano gli agenti di commercio associati alla Fiarc-Confesercenti – stanno limitando gli ordini per la prossima stagione autunno-inverno (che si fanno in questo periodo), sia a causa della scarsa disponibilità di denaro, sia perché una parte della merce è rimasta invenduta, sia perché temono che il trend negativo dei consumi non sia finito: ci aspettiamo una contrazione del 20% degli ordinativi. Il che provoca un danno anche a noi, che incasseremo meno provvigioni”.

Ascom meno negativa: "Numeri in leggere crescita"

Meno negativa invece la lettura dei saldi da parte di Ascom Confcommercio. "La percezione dei nostri associati non è cosi negativa - dice Maria Luisa Coppa, presidente di Ascom Confcommercio Torino e provincia - e a livello nazionale il dato è in crescita di circa il 5%. Certo dipende molto da negozio a negozio, da quanta ricerca si fa, di quanto ci si mette in gioco e di quanto si prova a spingere la propria attività. Ma non c'è un clima negativo in assoluto".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium