/ Attualità

Attualità | 03 marzo 2023, 17:05

Aspettando le Atp Finals, Torino si prende cura dei talenti della racchetta. E aiuta una giovane ucraina

Grazie al progetto Tennis Talents, sei ragazzi avranno la possibilità di competere in tornei nazionali e internazionali. Tra loro anche Maria Lazarenko

torino tennis talents

Aspettando le Atp Finals, Torino si prende cura dei giovani talenti della racchetta

Prosegue anche nel 2023 il progetto Torino Tennis Talents realizzato dall’associazione benefica I Tennis Foundation e che durante le prime due edizioni ha già visto ottenere dai suoi protagonisti ottimi risultati.  

Attraverso la supervisione tecnica di Gipo Arbino e la possibilità di osservare da vicino il suo giocatore, il campione Lorenzo Sonego appena reduce dal successo sul top 10 Auger-Aliassime, i sei talenti beneficiari della borsa di studio avranno così l’opportunità di competere in tornei nazionali e internazionali, aspetto imprescindibile per migliorarsi e tentare la scalata al tennis professionistico. 

I giovani tennisti torinesi inseriti nel programma sono Edoardo Zanada (22), Ludovico Madiai (20) e Chiara Fornasieri (20) - presenti anche nelle prime due edizioni -, e le new entry Luca Serra (17), la giovanissima Beatrice Barra (12) e l’ucraina Maria Lazarenko (14). 

I sei borsisti, scelti in base al livello tennistico, all’attitudine, alla dedizione in campo e alle possibilità economiche della famiglia, riceveranno anche quest’anno un importante supporto per la partecipazione ai tornei nazionali e internazionali più importanti e il sostegno didattico e relazionale per migliorare motivazione e attitudine. Un progetto che conferma, assieme al “fratello maggiore” Little Tennis Champions, il grande sforzo di I Tennis Foundation per sostenere i sogni dei giovani talenti della racchetta. 

 “TTT è un progetto nel quale crediamo tanto e i ragazzi e le ragazze a cui è stata assegnata la borsa hanno dato il massimo - spiega l’Avvocato Simone Bongiovanni, fondatore e presidente di I Tennis Foundation - Visto l’impegno profuso da ognuno di loro, assieme ai nostri partner, abbiamo deciso di rinnovare il supporto a questi ragazzi e di introdurre nuovi giovani talenti. Abbiamo costituito I Tennis Foundation per supportare ragazzi meno fortunati che hanno talento tennistico, ma purtroppo non i mezzi adeguati per praticare questo magnifico sport. La vocazione delle nostre iniziative è esclusivamente umanitaria: ecco perché in questa terza edizione abbiamo voluto inserire Maria Lazarenko, una fantastica ragazzina ucraina che stiamo già aiutando dall’anno scorso”.  

Un incontro al campionato mondiale Under 14 in quel di Tarbes, e poi una telefonata. Tanto è bastato, infatti, affinché I Tennis Foundation si attivasse per aiutare la ragazzina ucraina e sua madre a trovare nel 2022 rifugio in Italia. “Ho conosciuto Maria e sua mamma a Les Petit As ‘22. Mi avevano colpito molto a livello personale e avevamo già stabilito un rapporto di fiducia in quei giorni - racconta ancora Simone Bongiovanni - Poi a inizio marzo sua madre mi ha chiamato perché la situazione in Ucraina era diventata insostenibile e avevano molta paura. Abbiamo così coordinato il loro viaggio e l’arrivo in Italia”. 

I Tennis Foundation ha sempre sostenuto l’attività tennistica di Maria e, dopo una borsa di studio individuale, quest’anno ha deciso di inserirla all’interno del progetto Torino Tennis Talents. 

Davvero ottimi i risultati raggiunti nel corso delle prime edizioni dai borsisti, su tutti quelli conseguiti da Edoardo Zanada e Chiara Fornasieri, capaci di ottenere i primi punti ATP e WTA, e da Alessia Tagliente, bravissima nel guadagnarsi sul campo una borsa di studio quadriennale con la Mississippi State University. 

Gipo Arbino, coach di Lorenzo Sonego: “Sono molto felice che anche quest’anno I Tennis Foundation sia riuscita a portare avanti questo bellissimo progetto, che più è a lungo termine e più è proficuo. L’aiuto economico che verrà dato è fondamentale per poter ampliare le loro esperienze. Devo dire che queste ragazze e questi ragazzi mi piacciono molto, hanno una buona classifica italiana, ma come per Lorenzo non posso sbilanciarmi. Credo però tantissimo in questo progetto perché Lorenzo non era un predestinato. Sono quindi convinto che la valorizzazione dei ragazzi in età giovanile dia più chance per tirare fuori dei giocatori”. 

Lorenzo Sonego, tennista professionista, best ranking n.21 ATP e testimonial del progetto TTT: “Questo progetto è magnifico e fatto da persone che vogliono il bene degli altri. Da qui può davvero uscire un grande tennista. Nel mondo ci sono tanti giovani che hanno talento ma non hanno i mezzi. Dare a questi ragazzi un’opportunità è una cosa bellissima. Sono davvero contento di far parte di questa associazione che è stata fondata da Simone Bongiovanni, con cui ho anche un bellissimo rapporto di amicizia, per dare un’opportunità a questi ragazzi di vivere dentro e fuori dal campo qualcosa di unico”.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium