/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 20 maggio 2023, 10:12

Souvenirs Siriani: il reportage fotografico di Bruno Roberto Castelli in mostra a Palazzo Saluzzo Paesana

Dal 24 maggio al 17 giugno

Souvenirs Siriani: il reportage fotografico di Bruno Roberto Castelli in mostra a Palazzo Saluzzo Paesana

Si intitola “Souvenirs Siriani” la mostra curata da Ermanno Tedeschi che apre dal 24 maggio fino al 17 giugno 2023 al Teatro Paesana a Torino in via Bligny 2 e promossa dall’Associazione Culturale Acribia, insieme alla Fondazione La Stampa Specchio dei Tempi.

La mostra presenta una quarantina di fotografie scattate da Bruno Roberto Castelli in Siria. Lontano da qualsiasi considerazione politica, è soprattutto un’immensa nostalgia che emerge dalle sue immagini. Tutti gli scatti sono stati realizzati prima dei tragici eventi che stanno attualmente scuotendo la Siria, dalla guerra iniziata nel 2011 all’attualissimo e drammatico terremoto del 6 febbraio 2023. Sono fotografie di un’epoca passata, che l’esposizione presenta, nella speranza di sensibilizzare lo spettatore al dramma che il Paese e i suoi abitanti hanno vissuto e stanno ancora vivendo, ricreando così non solo il suo paesaggio geografico, ma soprattutto quello sociale e umano, ritraendo il paese come un mosaico della complessità, della diversità e della ricchezza dei suoi paesaggi, della sua gente e delle sue tradizioni.

 

Una delle realtà che ha voluto mostrare attraverso le sue foto è la vita di una comunità multiculturale notevolmente amalgamata tra i diversi gruppi etnici e religiosi, soprattutto all’interno dei grandi centri urbani. Il conflitto civile scoppiato nel 2011 – che a fine 2015 ha causato oltre 250.000 vittime – ha spinto a fuggire dai propri territori circa un quarto della popolazione. In mostra sono rappresentati alcuni monumenti cristiani e arabi molto importanti, luoghi emblematici di queste comunità. 

E alcuni di questi luoghi non ci sono più. La vita va avanti, comunque, anche se non c’è ancora pace per i siriani.

 

Un reportage, corredate da un catalogo, che racconta e documenta la  vita “normale”, quella precedente all’inizio del conflitto: volti, tradizioni, mercati, feste, persone, turismo, bambini, il quotidiano, insomma libertà.

 

Per info: associazione.acribia@gmail.com

 

 

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium