/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 20 maggio 2023, 11:07

Il Piemonte nella terra di Re Carlo III: in due giorni ha presentato il meglio della nostra economia a caccia di "Principi azzurri"

Ceipiemonte e Regione, insieme a Confindustria, hanno presentato a Londra aziende e opportunità di investimento sul nostro territorio regionale

Panorama della città di Londra

L'economia piemontese ha trascorso due giorni in vetrina a Londra

Londra, dopo Dubai e Parigi. Il Piemonte continua a mettersi in vetrina per attirare investitori e instaurare rapporti di collaborazione commerciale. L'occasione, questa volta, è stata - il 16 e 17 maggio - Made in Piemonte in London, una due giorni in cui la capitale britannica ha potuto conoscere imprese della nostra regione nei settori arredo, design, tessile e agroalimentare.

Un evento b2b con 24 imprese in arrivo dal territorio sabaudo, messe a confronto con oltre 40 buyer inglesi. Altri 50 investitori, poi, hanno potuto entrare in contatto con il tessuto economico piemontese tramite Invest in Piemonte - London.

Le iniziative, volute e sostenute dalla Regione Piemonte, sono state organizzate da Ceipiemonte nell'ambito dei Progetti Integrati di Filiera “Abbigliamento-Alta Gamma-Design”, “Agroalimentare” e “Tessile” promossi da Regione Piemonte e co-finanziati dal Piano di Sviluppo e Coesione 2000-2020 e nell’ambito dell'iniziativa promozionale volta all'attrazione di investimenti esteri ed esterni alla regione. I due eventi sono stati realizzati in collaborazione con ICE - Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane - sede di Londra e la Italian Chamber of Commerce and Industry for the United Kingdom.

"La Regione Piemonte - spiega l’assessore all’Internazionalizzazione, Fabrizio Riccaè stata la prima a organizzare un evento di interscambio commerciale con il Regno Unito dopo la recente visita del Governo italiano a Londra. Questa iniziativa ha avuto un duplice scopo: generare opportunità per le nostre imprese e attrarre investimenti di qualità. Nella capitale britannica sono state messe in mostra le produzioni piemontesi rappresentative della qualità, della creatività e del gusto italiano e abbiamo presentato a un panel selezionato occasioni di business e d'investimento in Piemonte".

Per i comparti legati all’altagamma, il mercato britannico sta attraversando un contesto molto favorevole e il Made in Italy in particolare sta ottenendo un notevole successo. A fare gli onori di casa, oltre a Ricca, anche il presidente di Ceipiemonte, Dario Peirone. Ma ancje il presidente di Confindustria Piemonte, Marco Gay e il direttore generale di Ceipiemonte, Stefano Nigro

Gli inglesi in Piemonte

In Piemonte le imprese a controllo britannico rappresentano l'8% del totale delle imprese a controllo estero (che sono circa 1.300) e occupano il 5% del totale addetti delle imprese a controllo estero (che sono circa 150.000). Di queste il 55% delle imprese a controllo britannico in Piemonte opera nel settore del commercio, il 25% nei servizi, il 15% nel manifatturiero e, in percentuali minori, nell'agroalimentare e nelle costruzioni. 

"Le aziende britanniche sono tra i principali investitori per il nostro paese e per il Piemonte – sostiene Dario Peirone, Presidente di Ceipiemonte - ma riteniamo che abbiano il potenziale per investire in maggior misura sul territorio, in particolare nei settori innovativi e finanziari. Per questo abbiamo presentato le opportunità d’investimento della nostra regione ad una platea selezionata di oltre 50 investitori, tra cui importanti fondi d’investimento e grandi corporate"

Il Piemonte attrattivo ha portato a Londra un portafoglio di opportunità in ambito real estate pari a 18,5 milioni di mq incluse nel primo nucleo del nuovo database della Regione Piemonte di aree da trasformare in zone altamente industrializzate e strategiche dal punto di vista logistico e nella piattaforma presente sul sito di Ceipiemonte: oltre 200 opportunità localizzative sia di tipo brownfield (già costruiti) che greenfield (aree libere e aperte a qualsiasi tipo di trasformazione) diffuse su tutto il territorio regionale. Per completare l’offerta, sono stati presentati i vantaggi competitivi di due settori in cui il Piemonte gioca un ruolo leader a livello internazionale: la manifattura e il lusso. Ed è proprio in ambito lusso l’ultimo importante investimento inglese in Piemonte: l’acquisizione del colosso inglese Burberry di uno stabilimento del fornitore piemontese Pattern che farà di Torino l’headquarter di un polo dell’outerwear tecnico della casa di moda britannica.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium