/ Eventi

Eventi | 23 gennaio 2024, 14:47

La fiaccola delle Universiadi celebra il Barocco piemontese: "La Guarini" accenderà (a basso consumo) i Giochi 2025 [VIDEO]

Sarà accesa il 20 settembre 2024 in occasione della Giornata Internazionale dello Sport Universitari. La torcia è stata progetta da 4 studenti del Poli. Al posto del fuoco, la luce a led

La fiaccola delle Universiadi celebra il Barocco piemontese

La fiaccola delle Universiadi celebra il Barocco piemontese

Sarà ispirata a uno dei più grandi architetti del Barocco piemontese, Guarino Giarini, a 400 anni dalla sua nascita, la torcia ideata e progettata da quattro studenti del Politecnico, indirizzo Design, e che illuminerà i Giochi invernali Universitari di Torino

Una torcia non accesa con il fuoco

Il progetto della fiaccola è stato realizzato nell'ambito del workshop “La torcia e il braciere per il 2025: progettare per le Universiadi Invernali" organizzato dal Politecnico, in collaborazione con la FISU e con il CUS Torino.

La torcia, in linea con i principi di sostenibilità, non sarà accesa con fuoco, ma composta da 350 led e consumerà appena 10 watt. 

Il lavoro degli studenti è stato presentato da Cristian Campagnaro, coordinatore del Collegio di Design del PoliTo e da Luigi Bistagnino tutor del workshop, accompagnato nel cammino dal professor Alessandro Campanella.

Il progetto de “La Guarini” è stato realizzato dagli studenti Gianluca Basile, Giovanni Bergadano e Matteo Bizzarri.

Due giovani promesse del canottaggio del Cus Torino

 

A presentare “La Guarini” alla platea presente al Castello del Valentino sono stati due atleti del CUS Torino, medagliati nel canottaggio la scorsa estate ai Giochi Mondiali Universitari di

Chengdu, dove hanno indossato la divisa azzurra della FederCUSI: Matteo Tonelli (oro nel doppio e argento in quattro di coppia misto) e Khadija Alajdi El Idrissi (due bronzi nel doppio e nell’otto). Due grandi esempi di campioni nello sport e nella carriera accademica grazie alla loro dual career.

Livio Berruti ospite d'onore

Ospite d’onore è stato il mito dello sport italiano Livio Berruti, 3 ori nell’atletica leggera alla prima Universiade di Torino 1959 (100, 200, 4x100), a cui ha aggiunto in seguito un altro oro (4x100 a Tokyo 1967) e due bronzi (100 e 200 a Porto Alegre 1963). E, insieme a queste sei medaglie ottenute nella massima rassegna universitaria mondiale, brilla il titolo olimpico conquistato (con tanto di primato mondiale) nei 200 metri all’Olimpiade di Roma 1960.

Berruti fu anche l’ultimo tedoforo che accese il braciere durante la Cerimonia d’apertura dell’Universiade invernale di Torino 2007. Una vera e propria leggenda: non poteva mancare allo svelamento della Fiaccola che riporterà la manifestazione in Piemonte a distanza di 18 anni dalla precedente.

Il saluto delle istituzioni

Ai saluti del Rettore del Politecnico di Torino Guido Saracco sono seguiti gli interventi di Alberto Rainoldi, vicerettore per il Welfare la sostenibilità e lo Sport dell’Università degli studi di Torino, Leonz Eder, presidente Fisu, l'Assessore regionale allo Sport Fabrizio RiccaRiccardo D’Elicio, presidente Cus Torino, Alessandro Ciro Sciretti, presidente del Comitato Organizzatore Torino 2025.

Il concept de "La Guarini"

All’interno dell’esplorazione dei temi del cultural heritage locale, su cui il workshop di concept generation si è concentrato, un ruolo importante lo hanno avuto le opere di uno degli interpreti più originali del Barocco piemontese, l’architetto Camillo Guarino Guarini. La Cupola della Cappella della Sacra Sindone del Duomo di Torino, progettata appunto dal

Guarini, è proprio uno dei capolavori più innovativi di questo movimento. La Cupola è caratterizzata dalla composizione di esagoni concentrici che, sui sei livelli, si elevano verso l’alto con dei cestelli che permettono l’ingresso della luce, creando dei giochi illusori di luce ed ombra. Al centro del concept de “La Guarini” c’è proprio la citazione delle geometrie concentriche della Cupola e la tensione verso la luce. “La Guarini” è stata progettata in maniera tale da presentare una duplice funzione: è una fiaccola quando viene impugnata e un oggetto di illuminazione se appoggiata su un piano.

L'accensione del braciere

Il 20 settembre 2024, in occasione della Giornata Internazionale dello Sport Universitario, prenderà il via la Flame Relay dal Rettorato dell’Università degli Studi di Torino, dove risiede il braciere delle Universiadi, la rassegna nata nel capoluogo piemontese nel 1959 col nome di Universiade grazie alla visionaria intuizione dell’allora presidente del CUS Torino Primo Nebiolo. Il 2018 infatti ha sancito un protocollo strutturato tra FISU e CUSI che ha inserito Torino come città sede della Fiamma del Sapere e in occasione di tutte le edizioni delle Universiadi, i Paesi organizzatori si recano a Torino per dare inizio ai propri Giochi attraverso l’accensione del braciere.

Questa sarà un’edizione speciale, in cui la Fiaccola dei Giochi partirà da Torino per presentarsi all’Europa, ripercorrere la storia delle Universiadi e ritornare in Piemonte, dove saranno pronti ad accoglierla gli studenti delle diverse province della regione. Il percorso si concluderà dove tutto ha avuto inizio, arrivando a Torino a poco meno di un anno da oggi, ovvero il 13 gennaio 2025, per accendere il braciere dei XXXII Giochi Mondiali Universitari invernali.

Condividiamo con gli amministratori dei Comuni interessati alla disputa delle gare dei FISU World University Winter Games la soddisfazione e l’entusiasmo per lopportunità di visibilità e promozione internazionale che saremo chiamati a cogliere tra un anno esatto”: con queste parole il Vicesindaco metropolitano Jacopo Suppo ha commentato la presentazione del prototipo della fiaccola dei Giochi Mondiali Universitari Torino 2025, a cui ha preso parte nella storica cornice del castello del Valentino.

Daniele Caponnetto

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium