/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 23 febbraio 2024, 10:20

Stellantis, De Palma (Fiom): "Tavares? Guadagna come 12000 operai. Perché Lo Russo non ha chiesto dei cinesi?"

Il segretario nazionale dei metalmeccanici Cgil ospite a Torino: "Cosa impedisce al sindaco di chiedere garanzie a Elkann?"

De Palma attacca (Fiom): "Tavares? Guadagna come 5000 operai"

De Palma attacca (Fiom): "Tavares? Guadagna come 5000 operai"

"Tavares? Il suo stipendio vale come quello di 12000 lavoratori, se si considerano anche i bonus. Poi abbiamo tutti quei lavoratori di Mirafiori in cassa integrazione e si chiedono incentivi per il mercato dell'auto. Io credo siamo arrivati a un punto di non ritorno. Non è accettabile". Michele De Palma, segretario nazionale della Fiom, soppesa le parole, prima di commentare le cifre diffuse nelle scorse ore da Stellantis. Lo fa a margine dell'incontro sul futuro dell'industria, ospitato presso la sede Cgil di Torino

Basta cassa, ridurre orario di lavoro a pari salario

A fronte dei risultati finanziari, dei dividendi e degli stipendi, i sindacati tornano alla carica. "Bisognerebbe uscire dalla condizione degli ammortizzatori sociali e con Fim e Uilm siamo concordi sulla discussione della riduzione dell'orario di lavoro, a parità di salario, per ridistribuire i dividendi che vengono distribuiti agli azionisti. Gli incentivi all'uscita non sono bastati e gli ammortizzatori sociali sono ormai strutturali".

Basta tavoli, parliamo di cose concrete

E il recente attivismo legato a tavoli e confronti, sembra non spostare le cose. "Bisogna parlare seriamente con il Governo sulle missioni produttive degli stabilimenti e fare un ragionamento organico - dice De Palma - Non è possibile continuare a parlare, un giorno si e uno no, di cassa integrazione e poi dell'arrivo dei cinesi. Bisogna smettere di moltiplicare i tavoli, ma parla di cose concrete".

Perché il sindaco non ha chiesto dei cinesi?

E dopo la polemica delle scorse settimane, il leader Fiom torna a puntare il dito contro il primo cittadino, Stefano Lo Russo. "Era dovere del sindaco chiedere al tavolo di martedì se ci sono prospettive di produzione del partner cinese a Mirafiori. Altrimenti si fa solo cinema e si perde tempo. Cosa gli impedisce di chiamare Elkann e chiedere garanzie? E poi bisogna capire quanto cuba dal punto di vista occupazionale, perché non è sostitutiva rispetto al resto della produzione, ma deve aggiungersi".

Allarme generazionale 

"Una generazione sta uscendo dalla fabbrica, che si sta rimpicciolendo. La svolta può arrivare solo con nuovo modelli e giovani assunti. E l'azienda deve rispondere di un vincolo sociale che va verso il Paese e verso il territorio".

E per chi ragiona sulla competitività, De Palma sottolinea: "Bisogna ragionare sui costi dei Paesi, ma non solo di quelli con il nucleare. Non credo che in Germania l'energia costi di meno. Non faccio lo psicologo, non so perché - a fronte di incentivi, cassa integrazione, salari più bassi rispetto alla Germania e un contratto svincolato da quello nazionale - non puntino su Mirafiori in maniera più decisa".

La replica di Lo Russo: "Dispiaciuto, noi costruttivi"

E non si è fatta attendere la replica del sindaco di Torino, che si è detto "dispiaciuto" per le osservazioni mosse dal leader Fiom. "Sono sorpreso - ha spiegato - che si consideri un problema e non un contributo la nostra iniziativa per un tavolo che definisca una piattaforma di proposte da sottoporre in maniera unitaria al Governo".Da un sindaco a una ex sindaca, anche Chiara Appendino, presente all'incontro di stamattina, ha commentato la situazione torinese di Stellantis con un post sui social: "Gli operai che subiscono sulla loro pelle da anni cassa integrazione e paura di perdere il lavoro, mentre l'azienda continua a delocalizzare e a rinviare gli investimenti in Italia dove invece beneficia di risorse statali e chiede maggiori incentivi all'acquisto per produrre. Senza nuove produzioni in Italia, l'intera filiera dell'automotive, comprese le aziende dell'indotto, è destinata a morire ed è inaccettabile lasciare che un'azienda così importante non risponda di ciò che sta facendo nei confronti dei lavoratori e delle lavoratrici".

 

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium