Economia e lavoro | 28 febbraio 2024, 11:58

L'automotive tira il freno a mano dell'economia piemontese: mancano ordini e l'export allunga un'ombra sul 2024

Lo scorso anno si è chiuso in crescita, nonostante le crisi geopolitiche, ma sono soprattutto le richieste di mezzi di trasporto dall'estero ad essere diminuite

L'automotive tira il freno a mano dell'economia piemontese

L'automotive tira il freno a mano dell'economia piemontese

Nonostante tutto. È questa la sintesi della performance dell'economia piemontese nel corso del 2023. Un anno scandito da molte incertezze e difficoltà a livello internazionale, ma che ha visto la produzione manifatturiera segnare un +1,8% nell'ultimo trimestre, registrando un +1,5% complessivo nel corso dell'anno.

Dai mercati, però, arrivano anche segnali chiari di debolezza, soprattutto dal punto di vista degli ordinativi. Lo dice l'ultimo report dell'ufficio studi di Unioncamere Piemonte. 

"Negli ultimi mesi del 2023 il nostro manifatturiero ha comunque resistito alle difficoltà geopolitiche internazionali ormai note a tutti - dice il presidente di Unioncamere Piemonte, Gian Paolo Coscia - Nonostante tutto mettiamo a segni buoni risultati, ma le tensioni e gli ostacoli sono dietro l'angolo".

L'export ha frenato alla fine dell'anno 

A cominciare  dagli ordini dell'export, che con un -3,7% zavorrano il dato complessivo a -0,5%, dove solo il mercato interno tiene botta con un +1,1%. Ancora positivo il fatturato totale, che cresce del 2,8%. Preoccupa piuttosto l'utilizzo degli impianti, sceso dal 68,4 al 64,7%. 

A livello di settori, industrie meccaniche e metalli viaggiano a ritmo superiore rispetto alla media regionale, ma anche alimentari, plastica, mezzi di trasporto ed elettronica sono sopra lo zero.

Magazzini che si riempiono

Ma ci sono magazzini che cominciano a riempirsi, visto che gli ordini non vanno di pari passo con la produzione. Soprattutto per i mezzi di trasporto (circa il 25% parla di esubero. Per le auto si sale addirittura al 90%). E se la componentistica tiene, sono appunto automotive e aerospazio a segnalare cali di ordinativi piuttosto marcati, soprattutto dall'estero. Giacenze in aumento anche per meccanica ed elettronica.

Tra le province, Novara è la prima della classe nell'ultimo trimestre (+3,8%), ma anche Cuneo (+3,1) e Torino (+2,3%). Soffrono Biella (-1,8) e Alessandria (-1%).

Meno aziende investono, ma si spende di più (nel green)

Diminuisce infine la fetta di imprese che non intendono fare investimenti. Dal 34,7 sia passa al 30,5%. E c'è una buona componente (12,5%) di aziende che non hanno investito in passato a causa del caro energia. Ma chi ha fatto investimenti, lo ha fatto mettendo una parte di budget ancora più robusta: dal 7,6 all'8,7% del fatturato.

Chi ha speso, però, lo ha fatto in macchinari (dal 71 all'81%), ma anche dimostrando una forte coscienza ambientale: gli impianti in energie rinnovabili salgono dal 5,4 al 16,9%. E nel 2024 si stima che questa quota salirà addirittura al 21,1%.

Massimiliano Sciullo

Leggi tutte le notizie di NUOVE NOTE ›

Federica Monello

Giornalista pubblicista, ascoltatrice vorace di musica, amante di tutto ciò che è cultura. Nasco e cresco in Sicilia dove da studentessa di Lettere Moderne muovo i primi passi nel giornalismo, dopo poco unisco la scrittura alla passione per la musica. Giungo ai piedi delle Alpi per diventare dottoressa in Comunicazione e Culture dei media e raccontare di storie di musica, versi, suoni e passioni.

Nuove Note
Nuove Note è la rubrica che ogni settimana ti fa conoscere un nuovo progetto musicale emergente nato tra la Mole Antonelliana e un pentagramma, tra i boschi piemontesi e una sala prove casalinga, tra uno studio di registrazione e i chilometri che lo separano da un paesino in provincia. Nuove Note ti racconta le storie e la musica gli artisti più interessanti della scena musicale piemontese.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium